L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

04/02/2007 15:27:50

Relazionarsi in situazioni di gruppo

Ho un problema che mi porto dietro da diversi anni (ne ho attualmente 21),anche se con il tempo ho fatto progressi sono sempre stata una persona timida che difficilmente cerca di relazionarsi con gli altri o se lo faccio con facilità e spontaneità é perché mi trovo a tu per tu con la persona o in ambienti come l'università. IL mio problema nasce quando in situazione di gruppo c'é una persona o più persone con il quale non ho un rapporto intimo di amicizia, mi blocco completamente, capita che non parlo di tutta una serata, se qualcuno mi fa una domanda non riesco ad esprimermi con disinvoltura, parlo a bassa voce...e quando l'incontro é finito mi sento giù,annoiata e un po' arrabbiata con me stessa. Purtroppo questa cosa mi succede anche con gli amici del mio ragazzo da due anni...con i quali almeno una sera ogni uno- due mesi si esce con loro e ancora trovo questo blocco. La mia é una mancanza di fiducia in me stessa e paura di giudizio degli altri?Vorrei capire come cercare di affrontare e risolvere questo problema nel miglior modo possibile.
La ringrazio per la sua attenzione

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del07/02/2007

Sicuramente all'origine c'è una insicurezza relativa alla propria identità di persona, per cui lei teme il giudizio delgi altri e, soprattutto, non tollera le situazione nelle quali potrebbe rivelare parti di sè che non sono ancora ben chiare nemmeno a lei stessa. E' un problema molto diffuso che può prendere la forma di una vera e propria fobia sociale. Innanzi tutto potrebbe fare attività che la aiutino a sbloccare questo ostacolo: fare teatro resta una delle migliori strade per affrontare questo problema. Però non escluderei che lei ha anche bisogno di un piccolo aiuto psicoterapeutico, per mettere in moto quelle risorse che ora sono congelate chissà dove.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra