L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

01/09/2006 17:52:46

Semplici tic nervosi?

Buongiorno, ho 36 anni e sin da bambino sono "schiavo" di piccoli gesti corporali che non vorrei fare ma che sento la necessità di fare; sono vari e con gli anni sono cambiati, quelli attuali sono: guardare un oggetto (un dito, lo sterzo, ecc.) e, cambiando "fuoco" vederlo "sdoppiato"; contrarre muscoli vari (dita, collo/nuca, labbra/mento, gambe, piedi, ecc.), abbassare il tono della voce, soffiarmi la mano, sringere i denti, emmettere silenziosi e brevi suoni gutturali prima di iniziare a parlare... E' superfluo precisare che queste piccole "manie" mi creano fastidiosi disturbi quali ritardi nel fare le cose, ad esempio anche solo per guardare dei bei panorami, e difficoltà interpersonali poichè nei discorsi mi distraggo (e quindi mi imbarazzo/innervosisco) per "sdoppiare" il mio interlocutore o per emettere suoni gutturali... Che Le sembra, sono semplici tic di cui comunque non c'è modo di sbarazzarsi?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del06/09/2006

Gentile Signore,

Con molta probabilità Lei è affetto dalla cosiddetta Sindrome di Tourette, caratterizzata dalla associazione di tic multipli, motori e vocali.
Premetto subito che non deve assolutamente preoccuparsi, poichè tale disturbo, sebbene fastidioso, è abbastanza benigno e permane stabile nel tempo come Lei stesso ha notato.
Oliver Sacks, il famoso Neurologo e scrittore americano osservò questo disturbo in un noto chirurgo, aggiungendo che i soggetti affetti dalla s. di Tourette possono svolgere qualsiasi attività e spesso possiedono capacità inusuali di osservazione e destrezza nelle attività che richiedono movimenti rapidi.
Per quanto riguarda la terapia, sono disponibili diversi farmaci in grado di ridurre i tic di questa sindrome.
E' necessario, tuttavia, valutare se sia utile nel Suo caso specifico instaurare una terapia farmacologica di lunga durata.
Se vuole può rivolgersi ad un Ambulatorio di Neurologia della Sua città.

Cordiali saluti.


Dott. Massimo Muciaccia
Medicina Territoriale
Specialista in Neurologia
BARI (BA)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra