L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

17/06/2005 16:58:47

Seri problemi di depersonalizzazione

Salve,
sono un ragazzo di 17 anni. Scrivo per sottoporre il mio problema: da 4 anni soffro di un disturbo che solo da poco sono riuscito, grazie ad internet, a determinare, ovvero la depersonalizzazione.
Non serve che le dica i sintomi che ho: sono ESATTAMENTE quelli che vengono con tanta cura descritti nei vari siti che ho trovato... Il problema sta' nel fatto che la forma di cui soffro io non è solo cronica: è perenne, nel senso che da quando mi ha preso non mi ha mai abbandonato, nemmeno per un istante, e non c'è stato almeno all'apparenza un evento scatenante (avevo solo 13 anni e non soffrivo di problemi quali ad esempio l' Ansia o la Depressione ).
Anzi, l'unica cosa che può fare è peggiorare: mi sono accorto infatti che stò ancora peggio nei momenti in cui sono stanco, e generalmente negli ultimi 5 mesi mi pare che sia mediamente 'peggiorata' la situazione, sebbene non possa dare dei canoni concreti che diano sostegno alla mia idea: quest'inverno, per la prima volta nella mia vita, ho iniziato a soffrire in maniera abbastanza forte di Ansia , Depressione ed attacchi di panico, che sono proprio dovuti dalla depersonalizzazione che mi fa soffrire molto (teoricamente altri motivi per stare così non ne ho).
Le mie domande sono abbastanza intuibili: cosa devo fare? a chi mi devo rivolgere? è una cosa che si può risolvere?
Grazie per l'attenzione.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del20/06/2005

Non so se lei davvero soffra di "depersonalizzazione", che è un quadro clinico molto complesso e sulla cui diagnosi bisogna essere molto prudenti oltre che molto competenti (non basta vedere in internet l'elenco dei possibili sintomi!). Spesso nell'adolescenza, che corrisponde ad una sorta di "seconda nascita", si hanno sintomi di questo tipo, che però vanno indagati all'interno di un quadro più generale.
Credo che farebbe bene a rivolgersi ad uno specialista: le conseglierei uno psichiatra che abbia però anche specifiche competenze psicoterapeutiche, cioè che sia in grado di orientarsi sia sul versante dell'eventuale prescrfizione di farmaci, sia sul versante della valutazione psicodinamica.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra