L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

24/01/2006 15:15:30

Tiroidite Acuta... ma siamo sicuri?

Da circa un mese mi è stata diagnosticata una tiroidite acuta di probabile origine batterica con eccessiva reazione autoimmune, tipo Hashimoto.

Sono arrivato a questa diagnosi dopo numerosi accertamenti per escludere altre patologie di malattie autoimmuni e dell'apparato oro-faringeo e al momento sembra la più appropriata a descrivere i sintomi e il quadro delle analisi.

Per quanto riguarda le analisi cliniche in questo momento risulta solo un Anti-hTG fuori scala a circa 230 e una complementemia C3 ridotta a 60 su un minimo di 90. Inoltre cè un lieve aumento di volume della tiroide sul lobo destro con lieve eco-disomogeneità ma senza noduli, confermato da una scintigrafia che mostra maggiore captazione sulla destra come per "iperplasia" semplice.

I sintomi sono evoluti nel tempo nell'arco di cinque mesi e da circa un paio di mesi si sono più o meno stabilizzati nei seguenti :

> Al mattino gola rilassata, timbro vocale normale, niente febbre, lieve disfagia laterocervicale.

> Nell'arco della giornata aumenta la febbretta a circa 37,5/37,6, compare disfonia, aumenta la disfagia laterocervicale accompagnata da sensazione di infiammazione sul lato destro, sopra la cartilagine laringea.

> Alla sera tardi la febbre tende a scendere e a scomparire anche prima di coricarsi e anche gli altri sintomi tendono a ridurdi specie se si riduce lo stress vocale.

> Sono inoltre presenti altri sintomi come linfonodi sumbascellari e laterocervicali lievemente ingrossati, episodi di dispnea e fame d'aria dopo lieve affaticamento, feci lente e episodi di diarrea, fini tremori muscolari, tendenza alla perdita di peso.

La domanda che vi pongo è la seguente : può una presunta tiroidite acuta, per giunta con un volume quasi normale della tiroide, giustificare i sintomi di disfonia e disfgagia laterocervicale ricorrenti ogni giorno, come per interessamento del nervo faringeo-laringeo ?

Ringrazio anticipatamente per l'attenzione

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del27/01/2006

Vorrei che mi chiarisse se la disfonia consiste in voce "in falsetto" e cosa intende esattamente per disfagia "latero-cervicale. Perchhè la compromissione del ramo ricorrente del nervo laringeo causa voce "in falsetto".

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)


Risposta del27/01/2006

E' sempre il solito virus di Epstein-Barr, che combina i pasticci, i linfonodi laterocervicali ingrossati, i sottomandibolari, la febbre, ed altri lo indicano. Andrei a controllare con una risonanza i linfonodi in generale, e controllerei accuratamente l'emocromo, aggiunga la tipizzazione linfocitaria, soprattutto i CD20, e come al solito il virus di Epstein.Barr. La disfonia potrebbe essere susseguente ad un interessamneto infiammatorio del nervo per vicinanza con un linfonodo infiammato. L'affaticamento e la dispnea sono indici della sindrome da stanchezza cronca, come i tremori muscolari, la perdita di peso, per la Diarrea , controlli l'assunzione del glutine di grano. L'importante è il controllo della linea linfocitaria e della distribuzione dei linfonodi.
SAluti

Dott. Alberto Moschini
MASSA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra