L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

12/01/2006 18:29:47

Vi prego datemi una risposta!!!!

Gentile dottore: sono un ragazzi di 20 anni, mi chiamo cristian,
fino ad un paio di mesi fa conducevo una vita abbastanza tranquilla, anzi :molto stimolante!: facevo l'università di scienze motorie, lavoravo per una ditta di informatica e praticavo quotidianamente molto sport sport.... ero un ragazzo felice. una mattina ... mi ricordo ancora il giorno..mi sono segliato e nono mi sentivo più come prima ...sembrava che la mia percezione della reatà si fosse alterata... mi sentivo strano...sbigottito e intontito....ed è così tutto il giorno tutti i giorni da allora.sembra che le mie vertigini siano aumentate quando mi guardo in giro....è una cosa molto complicata da descrivere...! ho avuto 2 attacchi di panico in seguito, uno lieve dopo ricorrenti pensieri negativi da parte mia, l'altro dopo aver consumato cannabis( questo molto violento) ah!(nella mia prima adolescenza ho consumato molti cannabinoidi sempre però lasciando passare qualche mese dopo un periodo frequente che ne facevo uso) ora però ho smesso.
Sono una persona che ha molta molta molta paura per la sua salute fisica...ipocondriaco! perciò ho fatto visita al mio dottore che mi ha prescritto visita neurologica anche se secondo lui nono era nulla....fatta la visita anche il neurologo mi ha detto che non avevo niente e per rassicurarmi mi ha fatto fare un elettroencefalogramma .... naturalmente con esiti negativi! solo che io continuo a sentirmi questi sintomi che non mi fanno vivere e che mi spaventano molto! percò ho consultato un'altro neurologo che mi ha detto le stesse cose...dandomi una cura:xanax 0.50 alla sera, iniezione di vitamine al pomeriggio + sereupin alla mattina e pomeriggio.
tutti mi dicono che non ho nulla, anche gli esami del sangue!
ma io i sintomi li sento sempre e sono molto triste ! ho mollato tutto quello che stavo facendo per stare a casa con la mia testa pesante, le mie vertigini e la paura di avere un male incurabile alla testa.
Inoltre ricordo che alla fine dell'estate ero convinto di avere un tumore al polmone a causa di un peso allo sterno che mi sentivo costantemente come una costrizione... quindi....: visite da medici vari. pneumologi , rx torace e poi dopo un mesetto senza accorgermene i sintomi sono spariti. solo che ora non è così.... i sintomi non se ne vanno!
potrei avere un vostro consiglio?? non riesco + a convivere con questa situazione non sono + nanche l'ombra di quello di prima.... ho paura a stare da solo in casa e mi arrabbio con me stesso per essere così debole.
ps: scusate se vi ho annoiato con il mio racconto . saluti

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del15/01/2006

Spesso una sintomatologia da attacchi di panico associata a Depressione e Ansia invalidante insorge improvvisamente proprio come è capitato a lei.
l'equivico sta nel cercare un riscontro "fisico" ad un problema che invece è molto più complesso: avere gli esami neurologici a posto non vuol dire non avere niente!
E la Depressione è proprio una di quelle patologie che non danno lesioni riscontrabili con gli esami neurologici e tanto meno con gli esami del sangue.
Credo che lei dovrebbe rivolgersi ad uno psichiatra e non ad un neurologo: questo non vuo dire che lei sia "pazzo", ma semplicemente che un bravo psicohiatra ha sicuramente una competenza più specifica di quella che può avere un neurologo o un medico generico. Infatti la diagnosi di Depressione non è facile e ci vuole appunto una competenza specifica.
Il fatto che lei abbia fatto uso di sostanze può essere una delle cause: le direi di sospendere completamente qualsiasi assunzione, sia di cannabis che di alcool o altro.
Queste sostenze non è vero che non fanno danni! Innanzi tutto deprimono la funzione di memoria attiva e compromettono la capacità di interagire con la propria progettualità interna.
Inoltre scatenano ansie e depressioni che solo con un intervento specialistico possono essere riportate alla norma.
Lei è giovane e ha tutto il diritto di vivere bene la sua vita presente e futura, perciò non perda altro tempo e si rivolga ad uno psichiatra con competenze anche psicoterapeutiche (quindi non un neurologo).
Con cure adeguate sia farmacologiche che di tipo strettamente psicoterapeutico lei potrà ritrovare un suo equilibrio. In bocca al lupo!


Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra