L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

19/02/2008 18:39:44

Alimentazione mirata per chi ha subito, una emorragia allo stomaco!

Complimenti, per il vostro sito.
Vi racconto ciò che è accaduto circa 3 mesi fa a mia madre: Nel mese di novembre 2007 mia madre viene ricoverata all'ospedale Ascalesi di Napoli per un intervento di normale rutin visto la sua età 60 anni"asporazioni di emorroidi con un leggero prolasso". L'intervento va a buon fine, ma dopo circa 2 giorni mia madre viene riportata in sala operatoria di pronto soccorso ricontrollata dal chirurgo si evincerà dopo la gastroscopia che il forte stress e l'aggiunta di qualche antidolorifico, le hanno procurato una forte emorragia allo stomaco. Al momento della dimissione il primario le ha prescritto la cosi detta dieta morbida, e l'assunsione del gastro prottettore nexsium 40mg. Sia per la dieta che per il farmaco sono stati molto vaghi. Preciso che mia madre assume 2 volte al giorno mattina e sera 10 gocce di xsanax, in più livial ormoni e zestril 20mg per la pressione. In conclusione vi chiedo in primis la gentilezza di inviarmi una dieta mirata per chi ha subito una roba del genere,ed inoltre vi chiedo per quanto tempo deve assumere un gastroprotettore di un tale dosaggio ed eventualmente se qest'ultimo può essere ridotto di quanto. Vi ringrazio e aspetto una Vostra risposta.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del22/02/2008

L'assunzione di farmaci antinfiammatori può provocare in alcuni casi, delle ulcere o erosioni nello stomaco, con eventuale sanguinamento, specie se nello stomaco è presente l'Helicobacter Pylori. La maggior parte delle volte queste emorragie terminano da sole, in ogni caso la terapia è corretta e va protratta per circa un mese, alla dose di 40 mg. La dieta, in questi casi, non ha molta importanza: è sufficiente evitare cibi piccanti nel primo periodo, poi può essere libera.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Universitario
Specialista in Cardiologia
Specialista in Gastroenterologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra