L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

20/11/2007 21:40:38

Ansia

Caro dottore,
ho 23 anni e sono uno studente universitario; il mio problema è questo:da 3-4anni vado incontro a perieodi di forte stress sia psichico che fisico, specie quando devo affrontare un esame, ma in realtà , da un pò di tempo anche quando devo affrontare proprio lo studio a casa, cioè in tutto il perieodo di preparazione di un esame. Comincio ad avere ansia, paure, mal di testa a volte anche pulsante, e nervosismo; e insieme a questi sintomi ho anche momenti di tristezza, agitazione e stanchezza, non riesco ad affrontare ciò che devo fare, proprio come se mi mancassero le forze. Quando mi rivolsi al mio medico generico, lui mi prescrisse Lexotan a gocce trovando con questo farmaco sollievo e beneficio; l'ho preso per 2 anni e mezzo fino a quando mi sono accorto che non aveva più l'efficacia di prima; così mi sono rivolto ad uno specialista il quale, dopo avergli raccontato i sintomi, mi ha diagnosticato turbe del comportamento e depressione atipica e, mi ha prescritto Serenase gocce e Cipralex gocce; l'ho preso per 4-5 giorni ma ho cominciato ad avere tremori, spasmi muscolari, agitazione e leggero stordimento.
Ma anche in piccole dosi il medicinale può dare questi effetti?Cioè sono fastidi dovuti al medicinale ma che poi vanno via?Quando prendevo il Lexotan, che è un ansiolitico, non ho mai avuto problemi.Cosa ne pensate voi?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del23/11/2007

Credo che date le sue condizioni, per come le descrive, per uno studente universitario di ventitre anni come Lei sarebbe proprio il caso di rivolgersi ad un medico che abbia una buona formazione psicoterapeutica ad impronta psicoanalitica, perchè Lei possa, insieme a lui, intraprendere la strada che porta a conoscere un pò di più se stesso, e quindi anche i suoi problemi psicologici, che adesso Lei non sa come affrontare.
In casi come il suo -almeno in base a quello che Lei dice- ritengo che gli psicofarmaci vadano usati con molta oculatezza e comunque soltanto quando una approfondita indagine psicologica è stata compiuta e non è risultata sufficiente non dico a risolvere tutti i suoi problemi, ma almeno a metterLa in grado di affrontarli nella maniera più corretta ed efficace.

Dott. Franco Mori
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra