L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

09/09/2005 17:05:59

Apnea notturna

Gent. mo Dottore, da qualche tempo mi succede che durante il sonno notturno ho un risveglio improvviso dovuto ad un sintomo di soffocamento. Mi sveglio con battito cardiaco accelerato e devo bere e tossire per togliermi questo senso di fastidio. Mi succede un paio di volte al mese. Cosa può essere? Può dare possibilità di Infarto? La ringrazio. Spina G.


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del12/09/2005

Caro sig. Spina per la sua apnea notturna sarebbe il caso di valutare alcuni aspetti:
Innanzitutto quanti episodi a notte si verifichino, poi se non vi siano fattori di pertinenza psicologica quale uno stress eccessivo.
Le consiglio comunque di rivolgersi presso un reparto di otorino o di neurologia per l'esecuzione di una polisomnografia che valuterà la qualità del suo sonno e le correlate apnee instaurando un successivo percorso terapeutico idoneo quale un c-pap oppure l'utilizzo di un riposizionatore mandibolare od in ultima istanza un approccio chirurgico qualora la causa dell'apnea venga identificata in una anomalia del palato molle.

Saluti

Dott. Alessandro Ahrens
Odontoiatra
NOCCIANO (PE)


Risposta del12/09/2005

Gent.ma sig.ra Spina,
spero che prima di sottoporre a Noi il suo disturbo abbia reso partecipe il suo medico di famiglia a se si, ci aiuterebbe non poco il sapere quale sia stata la sua ipotesi diagnostica.
Sarebbe inoltre utile sapere se il suo medico di famiglia la gia sottoposta ad una visita specialistica otorinolaringoiatrica. Sono stati effettuati esami di laboratorio mirati alla funzionalità epatocolecistica?
Se poi ci fornisse elementi utili a sapere se tali episodi notturni sono associabili a:
1) Fattori alimentari del giorno
2) Particolare impegno o stress mentale giornaliero
3) Eventuali fattori climatici quali caldo secco all'interno della camera o particolare umidità esterna
Rimango in attesa di queste risposte e le porgo i più distinti saluti.

Dott. Francesco Paolo Baccari
Medicina generale convenz.


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra