L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

03/02/2005 16:50:12

Cardiomiopatia ipertrofica

Gentile dottore,
giorni fa hanno diagnosticato a mio marito, 49 anni, una malattia al muscolo del cuore cioè: cardiomiopatia ipertrofica non ostruttiva. Dopo i vari esami fatti (holter, cardiogramma, ecg, esami del sangue, lastra ai polmoni..alcuni esiti li avremo tra una settimana) gli hanno detto che anche le nostre figlie di 11 e 18 anni dovranno fare dei controlli perchè è ereditaria.. Ora sono preoccupata per tutti e tre: essendo non ostruttiva, cosa rischia comunque mio marito? E se le mie figlie risultassero sane (speriamo!), possono in un futuro passare questo gene ai loro figli? E se l'avessero pure loro,dovranno anche loro prendere pastiglie? (mio marito dovrebbe prendere mezza pastiglia di Atenololo??? non so se mi ricordo bene il nome... ) Cordiali saluti
Madre e moglie in Ansia

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del07/02/2005

Cara lettrice,
certo la malattia diagnosticata a suo marito è importante e non va assolutamente sottovalutata. Peraltro, un attento controllo clinico e strumentale periodico, presso un buon cardiologo di fiducia, potrebbe metterlo al riparo da alcuni inconvenienti causati a lungo termine dalla malattia stessa (aritmie, scompenso cardiaco). Sicuramente l'atenololo può essere un farmaco adatto.
Per quanto riguarda le figlie, essendo la malattia trasmessa in modo autosomico dominante (c'è la possibilità che il 25% della prole sia affetto), devono essere esaminate per vedere se sono affette dalla malattia. Non è detto che trasmettano la malattia alla discendenza. Se la cosa la preoccupa molto, esistono alcuni centri universitari in Italia in grado di analizzare l'assetto genetico dei familiari sani. Peraltro esistono forme sporadiche della malattia, per cui essa non è necessariamente trasmissibile. Per ora faccia esaminare le figlie e stia serena, non è detto che necessitino di una terapia farmacologica.

Dott. Maria Domenica Sorbo
Specialista in Cardiologia
Specialista in Medicina dello sport
Medico Ospedaliero
DOLO (VE)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra