L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

12/01/2006 14:22:40

COLLO: vertigini,astenia...???????

Salve ho già scritto in questo spazio, sono una ragazza di 22 anni che da circa otto mesi lamenta sintomi vari.
I primi due mesi avvertivo costantemente la sensazione di svenimento imminente. successivamente questa si è placata lasciando il posto a una generale sensazione di sbandamento (intendo una lievissima vertigine); improvvisamente poi si manifestaron o questi sintomi : Vertigini forti; astenia debilitante (in alcuni momenti non camminavo); debolezza generale forte; parestesie che in genere colpivano una sola parte sia nell'arto superiore,sia in quello inferiore; nodo alla gola (nei momenti peggiori dovevo fare un grande sforzo per deglutire, come se i muscoli della deglutizione fossero "deboli"). da allora ho assistito a un costante ma lentissimo miglioramento di tutti i sintomi e ho eseguito i seguenti esami: RM encefalo con gaudolino, visite neurologiche, eco tiroide ed esami sangue ormoni tiroidei (ho una tiroidite autoimmune ma losapevo da anni,ma gli altri valori per ora son giusti), esami sangue vari (per virus come mono o altri simili, ferro ecc...insomma direi tutti quelli del caso), gastroscopia (per la gola), esami audiometrici o di stimolazioni da vertigini (rilevano nistagmo dell'occhio sx e basta), ecg secondo holter, eeg, rm delle rocche petrose. tutti questi esami sono negativi
così si arrivò a sospettare una cfs. cmq feci anche una rm al collo. per sintetizzare arriviamo alle fine dell'iter d'esami con un vestibologo (dott guidetti, che stimo molto) che ritiene si tratti di un problema all'arteria vertebrale, magari dovuto a cambi di tempo, stati emotivi o altro. poco dopo avevo appuntamento con un osteopata per verificare lo stato della colonna vertebrale e viene fuori che dalla rm al collo è chiara una mal posizione di tutte le vertebre cervicali. il dottore sostiene dunque che questa situazione abbia ingenerato effetti vari, come forte tensione muscolare (ricordo una sera una bellisima nevralgia del trigemino.. che durò circa due ore e aumento il senso di vertigine) e una probabile compressione dell'arteria vertebrale. Per caso avevo portato con me una vecchia lastra (circa di due anni fa) del tratto lombare della colonna (avevo avuto una bruttissima caduta, che mi causò dolore forte per circa venti giorni, e a un anno di distanza ebbi di nuovo quel dolore, ancora più forte e debolezza forte alla gamba sx). guardando la lastra il dottore mi evidenzia una inclinazione verso sx o dx (non ricordo) della colonna, da una certa vertebra in poi verso il basso. mi evidenzia anche due cose (scusate l'ignoranza) bianche, e mi spiega che quelli sono cuscinetti che stanno tra le vertebre e dal colore si poteva dedurre che all'epoca dovevano essere infiammatissime, dunque mi spiega che l'urto secondo lui è stato tale da de-elasticizzare quei cuscinetti, modificare l'andamento della colonna e da ripercuotersi addirittura sul tratto cervicale con conseguente sublussazione delle vertebre cervicali... Quel giorno (20 gg fa circa) effettua la prima manipolazione, con conseguente scomparsa dei sintomi per due giorni, nei giorni successivi ritornano tutti i sintomi ma a tratti e per poche ore. costante rimane solo un lieve senso di spossatezza e lieve instabilità nella deambulazione.Si aggiungono dolorini vari a schiena, in più forte dolore dove presi quella botta anni fa, e conseguente debolezza della gamba sx (a volte mi cede) . ora mi chiedo è possibile che tutti questi sintomi siano connessi veramente alla colonna e a una stupida caduta di quasi tre anni fa?????
dopo mesi di sofferenza non so più a cosa credere...
(non ho avuto tanto dolore al collo in sti mesi, qualche dolorino e senso di rigidità)

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del15/01/2006

Ritornerei alla tiroidie autoimmune, che da come lei riferisce, non è assolutamente passata, non riferisce i valori e gli esami eseguiti per la tiroide e la virologia, in effetti la sindrome da stanchezza cronica non va assolutamente sottovalutata, le consiglio:
· ANTICORPI ANTI-EPSTEIN BARR (EBNA-IgG, EBNA-IGM, VCA-IGG, VCA-IGM, EA-IGG, EA-IGM)
· ANTICORPI ANTI-HELICOBACTER PYLORI lgG e lgA
ANTICORPI ANTI-CITOMEGALOVIRUS lgG e lgM
anticorpi sierici anti tireoglobulina
anticorpi sierici anti microsoma tiroideo (TPO)
Tireoglobulina
anticorpi sierici anti recettore TSH (anti TRAK)
FT3, FT4, TSH
emocromo e formula, piastrine
tipizzazione linfocitaria e sottopopolazioni
Saluti Alberto Moschini alberto3691@alice.it



Dott. Alberto Moschini
CARRARA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra