22/07/08  - Disturbi alla gola e reflusso esofageo - Stomaco e intestino

22 luglio 2008

Disturbi alla gola e reflusso esofageo




Domanda del 22 luglio 2008

Domanda


gentile dottore, sono all'ottavo mese di gravidanza e dopo aver curato una terribile candidosi esofagea diagnosticatami con gastroscopia al quinto mese, mi ritrovo ora con altri bruttissimi problemi non solo a carico dell'apparato digerente ma anche della gola: sensazione di corpo estraneo, eccesso di muco in gola, mal di gola, mal a deglutire, sensazione di fiamme in gola, irritazione alla lingua e alla bocca. Sono stata da due otorini i quali mi hanno detto che il responsabile è il reflusso esofageo. Posso star tranquilla che non si tratti ancora della candida?(ho preso diflucan 200mg al giorno per tre settimane) Se il responsabile è il reflusso diminuirà dopo il parto? Spero di sì perchè sono veramente esaurita.. La ringrazio molto se vorrà aiutarmi e rassicurarmi
Risposta del 25 luglio 2008

Risposta di ALBERTO FANTIN


Immagino che il disturbo sia molto fastidioso, in caso di reflusso può tranquillamente prendere degli antiacidi come il maalox. I sintomi però, pur essendo fortemente suggestivi non sono del tutto specifici in quanto un'infiammazione dell'esofago quale che sia la causa può essere avvertita allo stesso modo.. di solito comunque dopo il parto diminuiscono fino a scomparire. Se la cosa non avvenisse contatti un gastroenterologo
cordiali saluti


Dott. Alberto Fantin
Medico Ospedaliero
Specialista in Gastroenterologia



Il profilo di ALBERTO FANTIN
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Stomaco e intestino



Potrebbe interessarti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Stomaco e intestino
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio
Stomaco e intestino
20 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio