Fluifort 2,7 g/10 ml sciroppo  6 bustine

Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2017
Farmaci - Fluifort

Fluifort 2,7 g/10 ml sciroppo 6 bustine




INDICE SCHEDA




INFORMAZIONI GENERALI



AZIENDA

Dompé Farmaceutici S.p.A.

MARCHIO

Fluifort

CONFEZIONE

2,7 g/10 ml sciroppo 6 bustine

ALTRE CONFEZIONI DI FLUIFORT DISPONIBILI


PRINCIPIO ATTIVO

carbocisteina sale di lisina monoidrato

FORMA FARMACEUTICA

sciroppo

GRUPPO TERAPEUTICO

Mucolitici

CLASSE

CN

RICETTA

medicinale di automedicazione

SCADENZA

24 mesi

PREZZO

DISCR.


INDICAZIONI TERAPEUTICHE




A cosa serve Fluifort 2,7 g/10 ml sciroppo 6 bustine

Mucolitico, fluidificante nelle affezioni dell'apparato respiratorio acute e croniche.


CONTROINDICAZIONI




Quando non dev'essere usato Fluifort 2,7 g/10 ml sciroppo 6 bustine

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Ulcera gastroduodenale. Gravidanza ed allattamento. Il farmaco è controindicato nei pazienti di età pediatrica al di sotto degli 11 anni.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO




Cosa serve sapere prima di prendere Fluifort 2,7 g/10 ml sciroppo 6 bustine

Non sono noti fenomeni di assuefazione o dipendenza. 

Il medicinale contiene metile para-idrossibenzoato e propile para-idrossibenzoato, noti per la possibilità di causare orticaria. In generale i para-idrossibenzoati possono causare reazioni ritardate, tipo la dermatite da contatto e raramente reazioni immediate con manifestazione di orticaria e broncospasmo.

Il medicinale contiene sorbitolo, i pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio, non devono assumere questo medicinale. Fluifort 2,7 g/10 ml sciroppo non influisce su diete ipocaloriche o controllate e può essere somministrato anche a pazienti diabetici.

Fluifort 2,7 g /10 ml sciroppo non contiene aspartame; pertanto può essere somministrato a pazienti affetti da fenilchetonuria.

Fluifort 2,7 g/10 ml sciroppo non contiene glutine; pertanto può essere somministrato a pazienti affetti da celiachia.

Aprire la bustina seguendo la linea tratteggiata ed ingerirne il contenuto.


INTERAZIONI




Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Fluifort 2,7 g/10 ml sciroppo 6 bustine

In studi clinici controllati non sono state evidenziate interazioni con i più comuni farmaci di impiego nel trattamento delle affezioni delle vie aeree superiori ed inferiori nè con alimenti e con test di laboratorio.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE




Come si usa Fluifort 2,7 g/10 ml sciroppo 6 bustine

1 bustina al giorno.

Fluifort 2,7 g/10 ml sciroppo, per l'innovativo confezionamento, assicura precisione nel dosaggio, igiene, praticità e facilità di assunzione ed è particolarmente indicato nelle affezioni in fase acuta per le quali è previsto un trattamento di breve termine.

In considerazione delle caratteristiche farmacocinetiche, la posologia consigliata può essere mantenuta anche in pazienti con insufficienza renale ed epatica.

Durata del trattamento: carbocisteina sale di lisina monoidrato può essere impiegata anche per periodi prolungati, in questo caso è opportuno seguire i consigli del medico.


SOVRADOSAGGIO




Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Fluifort 2,7 g/10 ml sciroppo 6 bustine

I sintomi riportati in caso di sovradosaggio sono: mal di testa, nausea, vomito, diarrea, gastralgia, reazioni cutanee, alterazione dei sistemi sensoriali.

Non esiste un antidoto specifico; si consiglia di provocare il vomito ed eventualmente di eseguire lavanda gastrica seguita da terapia di supporto specifica.


EFFETTI INDESIDERATI




Quali sono gli effetti collaterali di Fluifort 2,7 g/10 ml sciroppo 6 bustine

Gli effetti indesiderati che possono verificarsi con Fluifort, classificati per sistemi e organi (SOC), sono i seguenti:

Patologie della cute, del tessuto sottocutaneo: rash cutaneo, orticaria, eritema, esantema, esantema/eritema bolloso, prurito, angioedema, dermatite.

Patologie gastrointestinali: dolore addominale, nausea, vomito, diarrea.

Patologie del sistema nervoso: vertigini.

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche: dispnea.

Patologie vascolari: rossore.


CONSERVAZIONE




Conservare a temperatura inferiore ai 25 °C.

Se conservato correttamente l'eventuale variazione di colore del preparato non influisce sull'attività terapeutica della specialità che rimane valida fino alla data di scadenza indicata.


PATOLOGIE ASSOCIATE








Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Impariamo a conoscere la pelle grassa
Pelle
15 gennaio 2018
Notizie
Impariamo a conoscere la pelle grassa
I perché della pelle secca
Pelle
12 gennaio 2018
Notizie
I perché della pelle secca
L'esperto risponde