L'esperto risponde

Domanda di: Stomaco e intestino

05/03/2011 23:31:30

DISPEPSIA E AEREOFAGIA

Buonasera,
Da circa 3 settimane denoto, subito dopo i pasti principali, un senso di gonfiore nella parte alta dello stomaco indifferentemente dalla quantità di cibo mangiata.Successivamente insieme alla difficoltà digestiva compaiono aerofagie persistenti e parecchio maleodoranti.
In un'occasione sola dopo un pranzo(a base di spaghetti di soia) mi è capitato anche oltre ai sintomi sopraelencati di avere nausea e in seguito di vomitare quanto mangiato.
Oltre a praticare una constante attività sportiva,cerco di seguire una dieta sana ed ecquilibrata costituita solitamente da 5 pasti nell'arco della giornata(3 principali e due spuntini) cercando di concentrare i carboidrati nella prima parte della giornata(mattina e pranzo) e proteine alla sera. Come integrazione all'attività fisica assumo anche proteine del siero del latte e aminoacidi ramificati nei giorni di allenamento.(senza mai superare le dosi consigliate,anzi facendo sempre qualcosa meno) Potrebbero essere questi integrativi causa dei problemi di cui sopra o comunque peggiorare il quadro clinico? A dire il vero la mia sensazione è che i problemi menzionati aumentino dopo il consumo di carboidrati o bevande gassate(specie birra) ma magari mi sbaglio.
Il medico di base mi ha prescritto domperidone(motilium) prima dei pasti ma il problema non è stato risolto.
Ho letto di tante possibili-probabili cause del problema: Helicobacter,Intolleranze alimentari,Deficit di enzimi digestivi,Cattiva masticazione, ansia o stress,sindrome del colon irritabile,duodenite,dispepsia funzionale,ecc..
Oltre a visita specialistica quale esame diagnostico consiglierebbe per evidenziare le ipotetiche problematiche?
Potrebbe essere utile un test per le intolleranze alimentari o crede che il problema vada ricercato altrove?
Grazie e Cordiali Saluti.
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:

Risposta del10/03/2011

E' strano che il domperidone non faccia effetto, perchè sembrerebbe che i suoi disturbi dipendano proprio da una digestione difficile e quel farmaco è il migliore per questa situazione. Chieda al suo medico se sarebbe d'accordo nel cambiare prodotto, per es. la levosulpiride. D'accordo sul fare i test di intolleranza alimentare.Se i disturbi persistono, è consigliabile eseguire una gastroscopia.

a href="http://www.dica33.it/Alberto_Tittobello?esp=7921" Alberto Tittobello /a
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Milano (MI)



Altre risposte di Stomaco e intestino


© RIPRODUZIONE RISERVATA