L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

17/06/2005 16:52:14

Disturbi gastrointestinali

E' quasi un anno che soffro di disturbi gastrointestinali e, soprattutto, nausea. Sta diventando un vero e proprio problema in quanto all'inizio essendo i disturbi di lieve entita' , non mi creava particolari fastidi. Ma da quando questi disturbi si sono accentuati non riesco quasi più a vivere una vita normale. Soffro come ho gia' detto di nausea, problemi gastrointestinali e spesso accuso stanchezza, senso di pesantezza e come un senso di estraneamento da me stesso. A livello organico sto bene.. ho fatto tutti i tipi di esami possibili e immaginabili, dalla gastroscopia all'ecografia agli esami per le intolleranze, ma l'unico risultato e' stato che i medici mi hanno sempre detto che stavo bene e che non mi dovevo preoccupare e mi consigliavano di non pensarci perche' si tratta sicuramente di qualcosa di psicosomatico. Sarà anche così, ma io proprio non ce la faccio a non pensarci. Si aggiunga che sono ematofobico e quindi questo forte senso di nausea mi provoca un disagio tale che faccio fatica a stare con gli amici, o a scuola, o anche semplicemente di uscire, anche perche' i miei amici non sono di molto aiuto, in quanto mi considerano semplicemente un ipocondriaco e danno solo ragione a quello che dicono i medici non trovando nulla di organico... ma io lo so quanto sto male. Io non so davvero più che fare.. per favore datemi una risposta perche' in queste condizioni non ci resisto più.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del20/06/2005

Ammesso che lei sia ipocondriaco, questo non vuol dire che non abbia niente, perchè l'ipocondria è una vera malattia. Quando non si trova riscontro somatico acerti sintomi si inizia a parlare di psicosomatica, ma ciò significa che semplicemente ci si deve rivolgere ad altre modalità di indagine e cura, non che quel poveretto si deve arrangiare da sè! Si rivolga ad uno specialista, possibilmente medico psicoterapeuta, che sappia coniugare competenze farmacologiche a competenze psicologiche. Si informi nella sua zona e si accerti che abbia competenze nell'età dell'adoloscenza. Probabilmente lei soffre di disturbi d' Ansia e Depressione che alla sua età sono frequenti ma non devono assolutamente essere sottovalutati.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra