L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

25/10/2006 08:30:10

FASTIDIOSO ACUFENE PERSISTENTE !

Vi riscrivo in quanto non ho visto risposta alla mia precedente questione. E' da 2 anni che sento il rumore di una "moka da caffè" all'orecchio destro, che in realtà è il flusso del sangue (sento bene anche i battiti) e passa solo se premo la vena alla base del collo a destra o se stesa a pancia in giù e voltata verso destra spingo in fuori i denti in alto a destra (premolari) che sono storti verso l'interno. 3 visite da otorini diversi con varie prove per l'udito (con cuffie) ed endoscopia vie aeree superiori ma non risulta niente, ecografia alla tiroide regolare, rm encefalo ed orecchio destro dalla quale risulta solo lieve sinusite, ecocolordoppler tratto aortico superiore con flusso regolare, panoramica arcate dentarie in quanto storte propio da quel lato ma l'ortodontista che le ha visionate mi ha toccato un pò la mascella e ha detto di tornare dall'otorino. Sono già miope ma ultimamente ho avuto calo vista solo da occhio destro, mi piange spesso e a volte lo sento strano, tipo "addormentato", e sempre ultimamente in certi momenti mi sento la testa "gonfia", come quando va il sangue alla testa se si è a testa in giù e formicola, mi hanno detto che devo conviverci ma è impossibile ! Possono essere i denti storti che conprimono qualcosa ? O qualcosa ai nervi visto che è l'unica cosa che non ho controllato ? O può derivare dal peso elevato ?Secondo voi cosa può essere e che esami dovrei fare ancora ? Il rumore in questi giorni è anche più forte, non lo sopporto più, grazie per l'aiuto vi prego rispondetemi

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del28/10/2006

Ha fatto già parecchie visite ed esami.A mio parere potrebbe trattarsi anche di un problema cervicale,quindi
potrebbe fare una RX del tratto cervicale (2p con oblique a 45°) e dall'esito verificare se esistano le condizioni per poter effettuare terapia fisica(manipolazioni vertebrali,Terapia loco-regionale iniettiva o altro) con l'aiuto di un buon fisiatra(controlli la postura vertebrale e la presenza di scoliosi) e valutazione dello stato psico-emotivo globale per eventuale terapia con ansiolitici che potrebbe giovargli molto in questa fase previa consultazione con il suo Medico Curante.

Dott. Ugo Violini
Specialista attività privata
Specialista in Malattie infettive
URBANIA (PU)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra