L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

01/06/2007 06:54:12

Linfoadenopatia persistente

Salve sono una ragazza di 19 anni. Tutto è iniziato il settembre scorso, quando mi sono ritrovata un linfonodo ingrossato nella zona laterocervicale bassa a sinistra. Subito non ci ho dato peso sapendo che i linfonodi si ingrossano per mille motivi.. Circa a novembre ho deciso di consultare il mio medico poichè i linfonodi erano diventati 2 e accusavo una forte astenia e febbricola serotina. Esami su toxoplasmosi, ebv, citomegalovirus, streptococco sono risultati negativi. Il mio medico mi ha prescritto degli antibiotici in quanto ha azzardato l'ipotesi di una semplice influenza. Dopo la cura inizialmente stavo bene anche se i linfonodi non sono mai diminuiti.. dopodichè dopo circa un mese i linfonodi ricominciano a dare fastodio e mi accorgo che sono diventati 4 nel frattempo, torna l'astenia e la febbricola.. Così consulto un otorino che mi consiglia una visita infettivologica... Siamo a febbraio.. Emocromo nella norma a parte una leggera anemia (diminuiti eritrociti, ematocrito ed emoglobina; mch aumentato; reticolociti al limite massimo della norma).. Faccio altri esami per infezioni vie urinarie ecc ecc, comunque tutto negativo.. E faccio anche delle ecografie: plurime linfoadenomegalie laterocervicali di aspetto reattivo. Ad Aprile l'infettivologo mi prescrive una cura massiccia di klacid. A fine cura sto meglio, poi poco tempo fa, accuso delle fitte ai linfonodi, riconsulto l'infettivologo, e al controllo riscontra un nuovo linfonodo, (sarà circa 20mm) in zona giugolo digastrica. Torna astenia.. Dagli esami del sangue tutto nella norma inclusa la ves, a parte leggera anemia e neutrofili al limite minimo della norma e linfociti al limite massimo.. Sono stata anche dal dentista e non ho nemmeno una carie!! Ho fatto una panoramica ed è tutto a posto.. Ora sto aspettanto di fare un'agoaspirato.. Secondo voi è una scelta giusta?? Mi hanno detto che è poco attendibile, ma non me ne intendo.. Forse arrivati a quasto punto è meglio una biopsia integrale? Non so più cosa fare.. E la cosa peggiore è questa attesa esame dopo esame.. Vorrei riuscire a dare un nome e cognome a questa malattia.. Perchè non me ne sto di una sindrome da stanchezza cronica senza aver fatto tutti gli esami del caso per escludere ciò che veramente potrebbe essere..!!! Aspetto un vostro parere.. Grazie mille..

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del04/06/2007

Da quanto afferma mi sembra prudente effettuare prima una biopsia con ago aspirato. Le biopsia escissionale deve essere tenuta come ultima possibilità in quanto gravata da possibili complicanze, quali ad esempio un edema linfatico.

Dott. Davide Pertile
Universitario
GENOVA (GE)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra