Apnea notturna mette a rischio il cuore

09 dicembre 2010
News

Apnea notturna mette a rischio il cuore



I soggetti con apnea ostruttiva notturna hanno una maggiore probabilità di sviluppare placche pericolose all'interno delle arterie coronariche rispetto a chi invece dorme sonni tranquilli. La notizia, presentata durante il recente congresso annuale della Società nordamericana di radiologia, è il risultato di uno studio che ha coinvolto 95 pazienti obesi, condizione che in molti casi favorisce la comparsa di apnea ostruttiva notturna. Tra tutti i soggetti inclusi nella ricerca, 49 avevano un indice di massa corporea di 33 e diagnosi di apnea ostruttiva notturna, 46 presentavano invece un indice di massa corporea di 30 e non erano affetti dal fastidioso disturbo del sonno, caratterizzato da periodiche pause nella respirazione e russamento. Dopo aver sottoposto tutto il campione ad angiografia coronaria, esame radiologico che permette di visualizzare i distretti vascolari, è emerso che la quantità di placche nelle arterie coronariche non era diversa in modo significativo tra i due gruppi, ma era piuttosto la composizione di queste placche a fare la differenza. Rispetto al gruppo senza apnea ostruttiva notturna, infatti, i pazienti con apnea ostruttiva notturna presentavano una notevole prevalenza di placche non calcificate, quelle più a rischio di rottura e che portano spesso a un infarto o a un altro evento cardiovascolare. Inoltre, nei soggetti con apnea ostruttiva notturna si è registrato anche una maggiore prevalenza di restringimento dei vasi rispetto ai soggetti non affetti dal disturbo del sonno. «Questo studio dimostra che l'apnea ostruttiva notturna è un problema che non va assolutamente sottovalutato», sostiene Joseph Schoepf, direttore del centro di imaging cardiovascolare dell'università della Carolina del Sud, a Charleston. «Anzi, in presenza di tale disturbo è buona cosa sottoporsi a un controllo medico per scongiurare il rischio di un evento cardiovascolare».

Annual meeting of Radiological society of North America


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Sentire poco, vivere male
Orecchie naso e gola
03 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Sentire poco, vivere male
Perdita dell’udito, ecco le conseguenze sulla vita di tutti i giorni
Orecchie naso e gola
14 novembre 2017
Notizie e aggiornamenti
Perdita dell’udito, ecco le conseguenze sulla vita di tutti i giorni
L'esperto risponde