Il ministro rassicura su diossina in alimenti

14 gennaio 2011
News

Il ministro rassicura su diossina in alimenti



Dopo l'allarme sulla sicurezza degli alimenti provenienti dalla Germania, dal ministro della Salute, Ferruccio Fazio, arriva una rassicurazione: «attualmente non risulta alcuna positività in Italia». Con questa premessa sottolineata dal ministro è stato presentato il piano dei controlli, messo a punto in un incontro tra il ministro, il sottosegretario alla Salute Francesca Martini, il comandante dei Carabinieri del Nas Cosimo Piccinno, e le Regioni. Sulle derrate alimentari tedesche i Nas, ha annunciato Fazio, «hanno avviato controlli sul latte in polvere e sono già stati attenzionati 27 tipi di latte. Altri controlli saranno sugli prodotti derivati dalle uova e sui suini vivi». Il ministro ha anche fatto notare che «C'é molta più diossina in una bistecca alla brace, fatta con carne non contaminata, che in una bistecca della Bassa Sassonia», e inoltre ha ricordato i limiti di legge sulla diossina. «I criteri con cui sono posti i livelli massimi di diossina previsti» ha sottolineato «sono molto conservativi, cento volte inferiori ai quelli che possono fare danno». In particolare la normativa comunitaria ha stabilito quali valori massimi di diossina, sulla base del consumo medio dei cittadini comunitari, un picogrammo (un miliardesimo di milligrammo) per grammo di grasso per le carni suine, e 3 picogrammi per grammo di grasso per le carni bovine.



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Amenorrea da sottopeso nelle giovani atlete. È rischio osteoporosi
Alimentazione
21 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea da sottopeso nelle giovani atlete. È rischio osteoporosi
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Alimentazione
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
L'esperto risponde