Smog e salute, ogni stagione ha il suo particolato

23 settembre 2011
Interviste

Smog e salute, ogni stagione ha il suo particolato





Il nesso tra inquinamento atmosferico e rischi per la salute si va sempre più definendo e la situazione non è per niente rosea, soprattutto per chi vive in città. Un ulteriore tassello alla comprensione dell'impatto del particolato atmosferico arriva dai ricercatori del Centro Polaris dell'Università di Milano-Bicocca che hanno portato a termine il progetto Tosca, i cui risultati sono stati appena presentati a Milano. Il progetto conferma che l'inquinamento fa male, con differenze stagionali come spiega a Dica33 Marina Camatini, professore ordinario di biologia cellulare al'Università di Milano Bicocca, che del progetto è coordinatrice.

Professoressa Camatini quali sono stati gli obiettivi del Progetto Tosca?
Il Progetto Tosca è un progetto multidisciplinare durato tre anni che, da giugno 2008 a giugno 2011, ha indagato la tossicità del particolato atmosferico, mettendo insieme ricercatori con diverse competenze, dai chimici ai biologi, dai clinici agli epidemiologi. L'indagine ha analizzato i ricoveri per patologie respiratorie e cardiovascolari e le prescrizioni farmacologiche connesse a queste patologie. Su un campione di 500mila individui in Lombardia.

Quali i risultati principali?
Il dato inequivocabile, ormai, è che l'esposizione a elevate concentrazioni di particolato (Pm) scatena processi infiammatori per la presenza di tossine batteriche. Il Pm è, perciò, un fattore di rischio per l'insorgenza o la riacutizzazione di malattie respiratorie e cardiovascolari. Con differenze legate alla dimensione del particolato e alla stagionalità.

In che senso?
D'inverno, quando c'è più traffico e sono attivi i riscaldamenti, le polveri sottili sono più fini (Pm 2,5) entrano negli alveoli, sfuggendo ai processi di difesa, e vanno in circolo producendo modificazioni nel controllo dei meccanismi cellulari, in particolare sul lungo periodo per esposizione cronica. D'estate invece il particolato è più grossolano (Pm 10) ed è ricco di batteri, con la riacutizzazione di patologie respiratorie, in particolare se ci sono patologie pregresse. Il dato è che nel periodo estivo aumentano i ricoveri per patologie respiratorie. Il fatto positivo è che con i farmaci idonei si può mitigare il fenomeno dei ricoveri per cause respiratorie.

Esiste uno stile di vita anti-smog?
Premesso che le istituzioni dovrebbero fare molto di più, a cominciare dai ministeri competenti, e che ci sono delle condizioni che non sono migliorabili o modificabili con l'intervento umano (le condizioni meteo, per esempio), anche lo stile di vita può avere un ruolo e per questo abbiamo stilato un decalogo. Gli accorgimenti vanno da un uso della macchina meno frequente all'evitare l'uso dei passeggini ad altezza tubo di scarico delle automobili in città.

E le giornate senza auto in città servono a qualcosa?
Assolutamente no. È 30 anni che se ne parla senza aver avuto risultati sostanziali. Finché le istituzioni centrali non dettano norme rigorose la situazione non può migliorare.

Marco Malagutti


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
La cellulite
Cuore circolazione e malattie del sangue
04 giugno 2018
Patologie
La cellulite
Campagna Chi non fuma sta una favola
Apparato respiratorio
31 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Campagna "Chi non fuma sta una favola"