Tromboembolismo, il rischio aumenta con le infezioni

10 gennaio 2012
News

Tromboembolismo, il rischio aumenta con le infezioni





Le infezioni rappresentano un fattore di rischio per lo sviluppo di tromboembolismo venoso (Tev). È la conclusione di uno studio caso-controllo di popolazione effettuato nella Danimarca settentrionale da Morten Schmidt, dell'ospedale universitario di Aarhus, e collaboratori. Viene così definitivamente chiarito un problema clinico sul quale finora esistevano dati scarsi. Ricorrendo ad archivi informatici medici, i ricercatori hanno identificato tutti i pazienti con un primo episodio di Tev diagnosticato in ospedale durante il periodo 1999-2009. Per ogni caso, sono stati selezionati 10 controlli dalla popolazione generale, abbinandoli per età, genere e contea di residenza. Sono state poi identificate tutte le infezioni diagnosticate in ospedale e le prescrizioni sul territorio di antibiotici anteriori di 1 anno alla Tev. Le infezioni urinarie, respiratorie, cutanee, intraddominali e le batteriemie, diagnosticate in ospedale o trattate nella comunità, sono apparse associate a un aumento del rischio più che raddoppiato di Tev. L'associazione è risultata più forte nelle prime 2 settimane dopo l'insorgenza dell'infezione, per poi declinare gradualmente.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
Malattie infettive
14 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
La salute in crociera
Malattie infettive
10 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La salute in crociera