Legge antifumo salva vite e fa risparmiare il Ssn

15 marzo 2012
News

Legge antifumo salva vite e fa risparmiare il Ssn



smettere di fumare, divieto di fumo, legge, tumore polmone, angina pectoris, infarti


A conti fatti una legge che vieta il fumo nei locali pubblici salva migliaia di vite umane e fa risparmiare il sistema sanitario. Lo ha stimato uno studio tedesco promosso dalla compagnia assicurativa Dak, secondo cui, nei 12 mesi successivi all'entrata in vigore delle leggi antifumo, tra il 2007 e il 2008, i casi di trattamento ospedaliero per angina pectoris si sono ridotti del 13%, mentre gli infarti sono calati dell'8,4%. «I risultati del nostro studio dimostrano quanto sia importante per la salute la legge che vieta il fumo nei locali pubblici», ha detto il presidente di Dak, Herbert Rebscher. La ricerca è stata effettuata analizzando i dati di oltre 3,7 milioni di assicurati oltre i 30 anni, tra il 2004 e il 2008. In Germania le malattie dell'apparato circolatorio sono la prima causa di morte (41%): nel 2010 353mila tedeschi hanno perso la vita a causa di disturbi cardiovascolari, 60mila dei quali per infarto. La legge si è rivelata importante anche per le casse delle compagnie assicurative: solo Dak ha risparmiato in un anno il costo di 1.880 trattamenti ospedalieri per un valore di 7,7 milioni di euro. A questo dato andrebbero poi aggiunti il valore della riabilitazione e del periodo di assenza dal lavoro delle persone colpite da infarto


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Campagna Chi non fuma sta una favola
Apparato respiratorio
31 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Campagna "Chi non fuma sta una favola"
Campagna di sensibilizzazione contro il fumo nelle farmacie Alphega
Apparato respiratorio
10 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Campagna di sensibilizzazione contro il fumo nelle farmacie Alphega
Asma e BPCO, una campagna per non trascurarle
Apparato respiratorio
23 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Asma e BPCO, una campagna per non trascurarle
L'esperto risponde