Tavole in festa, meglio scegliere la buona cucina italiana

20 dicembre 2012
News

A Natale, meglio scegliere la buona cucina italiana



natale, cibo, tavola, ricette italiane, stomaco, peso, camminare, oli di cocco


Cercare di controllare il peso, mantenere una dieta bilanciata e ridurre al minimo alimenti poco sani prediligendo la tradizione della buona cucina italiana. Sono questi i consigli dell'Associazione italiana gastroenterologi ospedalieri (Aigo) che, in vista delle festività natalizie, invita comunque a non perdere di vista buone abitudini e attenzione all'alimentazione. Soprattutto alla qualità. Ecco le raccomandazioni:

  • Il peso corporeo deve essere il più possibile stabile nel tempo, entro i limiti concordati con il medico. È raccomandabile controllare il peso corporeo, sempre sulla stessa bilancia, al mattino a digiuno.
  • La dieta deve essere bilanciata (55% delle kilocalorie da carboidrati, 15% da proteine e circa 25-30% da grassi, e ≤ 10% kcalorie da grassi saturi; attenzione a minimizzare l'uso del sale e ad un adeguato apporto di fibre (≥ 20-30 g al giorno) con almeno 5 porzioni al giorno di frutta/verdura
  • Ridurre il più possibile il consumo di prodotti nella cui composizione entrano oli di cocco o di palma, grassi idrogenati o oli vegetali non meglio definiti (biscotti, prodotti da forno tipo grissini o crackers, prodotti di pasticceria, brioche, ecc), in quanto tali grassi inducono l'aumento dei lipidi ematici. Possono essere sostituiti con prodotti simili nella cui composizione sia dichiarato olio di oliva, o con prodotti fatti in casa, o con farinacei semplici (pane fresco).
  • Ridurre il più possibile bibite zuccherate ed alimenti con elevato contenuto di zuccheri a rapido assorbimento (snacks, brioche etc).
  • Il consumo di bevande alcoliche va completamente evitato in soggetti con malattie del fegato, qualunque ne sia la causa. In tutte le altre condizioni il consumo di alcol va limitato ad un massimo di 1-2 bicchieri di vino al giorno.
  • Molto importante fare un'attività fisica regolare (almeno 3/5 volte alla settimana), di intensità moderata (camminata veloce, bicicletta, nuoto, ecc), per almeno 30-60 minuti per volta.
Dunque, esorta l'Aigo, scegliamo bene i cibi che mettiamo sulla tavola di Natale, gustiamo i brindisi con la dovuta moderazione; e, dopo la festa, una lunga passeggiata insieme ai propri cari è il modo migliore per iniziare il nuovo anno e un nuovo e salutare stile di vita.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Alimentazione
16 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Bambini a scuola di alimentazione per contrastare l'obesità e il sovrappeso
Alimentazione
15 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Bambini a scuola di alimentazione per contrastare l'obesità e il sovrappeso
L'esperto risponde