Pillola e cerotto contraccettivi allontanano anche il rischio depressione

04 ottobre 2013
News

Pillola e cerotto contraccettivi allontanano anche il rischio depressione



metodi contaccettivi


La pillola contraccettiva, oltre ad assolvere al suo principale incarico, ha anche una leggera influenza sul "buonumore" delle giovani donne che la usano. Uno studio, pubblicato sull'American Journal of Epidemiology, della Mailman School of Public Health at Columbia University ha infatti appurato che i contraccettivi ormonali, dalla pillola ai cerotti, non aumentano la depressione nelle giovani donne, anzi agisce in senso opposto.

I ricercatori hanno analizzato i dati di quattro diverse indagini fatte su donne tra 25 e 35 anni, utilizzatrici di tutti i principali sistemi di contraccezione, ormonali e non, tra il 1994 e il 2008. Le donne che usavano i contraccettivi ormonali sono risultate più giovani, meno inclini al fumo e più sportive. In generale più dedite ai comportamenti sani.
Lo studio, tenendo presente tutte le differenze tra i diversi gruppi, ha comunque trovato un minor tasso di depressione nelle donne che usavano contraccettivi ormonali, un dato inferiore del 32 per cento, e un meno 63 per cento alla voce "rischio di tentare il suicidio". ''La pillola potrebbe avere un effetto sugli sbalzi di umore legati al ciclo - spiegano i ricercatori - stiamo indagando su questo aspetto e speriamo di individuarne presto il meccanismo''.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Calcolo della data presunta parto


Potrebbe interessarti
Candida, cosa fare
Salute femminile
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Candida, cosa fare
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
Salute femminile
07 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale
Salute femminile
19 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale
L'esperto risponde