I pediatri italiani: non ci sono controindicazioni per il vaccino antinfluenzale per i bambini

27 novembre 2013
News

I pediatri italiani: non ci sono controindicazioni per il vaccino antinfluenzale per i bambini



vaccino antinfluenzale neonato


«Noi pediatri abbiamo il dovere di contrastare le false credenze, di illustrare i rischi che comporta il contatto sempre più frequente con persone di cui ignoriamo lo stato vaccinale, di rafforzare la fiducia dei genitori nelle vaccinazioni e di sottolineare che solo il pieno rispetto del calendario vaccinale può garantire la protezione dei loro figli».
Con queste parole Giuseppe Di Mauro, presidente della Società italiana di pediatria preventiva e sociale fa sapere alle famiglie italiane che non ci sono controindicazioni per chi vuole vaccinare il proprio bimbo sopra i sei mesi contro l'influenza.

La puntualizzazione è contenuta in un comunicato stilato in occasione dell'avvio della stagione influenzale. Fino a oggi solo poche nazioni danno il vaccino antinfluenzale ai bambini, e non esistono ancora studi precisi per capire se tale pratica possa permettere di risparmiare (anche se, ormai, il costo della malattia per ogni paziente è stato fissato intorno ai 920 euro per ogni singolo caso di influenza). Questo, però, sottolinea la nota, non significa che vi siano controindicazioni alla vaccinazione dei bambini 'sani' di età superiore a sei mesi, qualora il loro pediatra optasse per tale scelta, anche perché i bambini sono un vettore importante di diffusione della patologia.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo dei percentili di crescita
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Infanzia
08 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Epistassi, come comportarsi
Infanzia
03 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Epistassi, come comportarsi
L'esperto risponde