Disfunzione erettile: uno stile di vita sano è meglio dei farmaci

09 maggio 2014
Focus

Disfunzione erettile: uno stile di vita sano è meglio dei farmaci



disfunzione erettile


La disfunzione erettile si vince anche con l'esercizio fisico, un'alimentazione salutare e tenendosi alla larga dal fumo e dagli eccessi di alcol. «I problemi erettili sono spesso legati a problemi cardiaci ed è per questo che uno stile di vita che aiuta il cuore a rimanere in salute riesce a migliorare anche questi disturbi sessuali» spiegano gli autori di un articolo recentemente pubblicato sulla rivista Journal of sexual medicine. «E come se non bastasse, concentrarsi su uno stile di vita sano assicura anche una vita più lunga e in piena salute» aggiunge Gary Wittert, dell'Università di Adelaide, in Australia e principale autore dello studio.

Di sicuro l'età che avanza contribuisce all'impotenza maschile, ma ci sono fattori che danno un contributo anche maggiore a questi problemi, come per esempio uno stile di vita poco sano. «Ridurre i chili di troppo, fare esercizio e mangiare bene è sempre importante perché migliora la salute di cuore e vasi» ricorda l'autore che spiega poi il legame tra salute cardiaca e disfunzione erettile.

«L'erezione dipende dalla dilatazione dei vasi sanguigni che portano il sangue al pene e che sono simili a quelli che riforniscono di sangue il cuore» spiega Wittert «e se il flusso del sangue non riesce a dilatare bene questi vasi sopraggiunge la disfunzione erettile». E per capire se uno stile di vita più sano fosse davvero in grado di migliorare l'erezione e il desiderio sessuale, i ricercatori hanno seguito per circa 5 anni 800 uomini australiani di età compresa tra 35 e 80 anni. Grazie a questionari ad hoc sono state raccolte informazioni sul desiderio sessuale dei partecipanti, mentre la funzione erettile è stata valutata con un punteggio specifico.

E per completare il quadro sono stati anche raccolti dati su pressione sanguigna, livelli di colesterolo, trigliceridi e glucosio, educazione, stato civile, occupazione, depressione, utilizzo di farmaci, abitudini alimentari e di esercizio fisico. I dati parlano chiaro: gli uomini che nel corso dello studio avevano modificato lo stile di vita hanno ottenuto miglioramenti nella funzione sessuale.

«Anche il contrario è vero: se lo stile di vita era peggiorato nei 5 anni dello studio gli uomini avevano più probabilità di andare incontro a problemi erettili» precisa Wittert.

E secondo David Samadi, del dipartimento di urologia del Lenox hill hospital di New York, lo studio australiano mostra che con l'età alcune cose cambiano e non sempre noi possiamo muoverci per contrastare questi cambiamenti, ma per la disfunzione erettile, prima di ricorrere alle prescrizioni mediche gli uomini dovrebbero puntare su uno stile di vita sano.

«I farmaci non possono essere la soluzione definitiva se non si modificano i comportamenti scorretti» afferma Samadi, che poi precisa: «Si può pensare ai farmaci per le persone che proprio non possono modificare lo stile di vita, ma le pillole non dovrebbero essere la prima scelta nella cura della disfunzione». E nemmeno Wittert e colleghi condannano l'uso di medicinali nel caso di problemi di erezione, pur mettendo in guardia dall'abuso. «Meglio utilizzare i farmaci all'inizio, per risolvere il sintomo mentre si comincia a modificare il proprio stile di vita» spiega il ricercatore «Vivere secondo le regole dello star bene può infatti aumentare l'efficacia dei farmaci contro l'impotenza o renderli addirittura inutili e uno stile di vita sano migliora anche il desiderio» conclude.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO
Patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico


Potrebbe interessarti
Tumori maschili, dieci regole per prevenirli
Salute maschile
17 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Tumori maschili, dieci regole per prevenirli
Amore al capolinea
Sessualità
26 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Amore al capolinea
Millennial e baby boomer: stesso atteggiamento verso la contraccezione
Sessualità
16 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Millennial e baby boomer: stesso atteggiamento verso la contraccezione
L'esperto risponde