L’ora delle prima sigaretta influenza il rischio di tumore al polmone

03 luglio 2014
News

L'ora delle prima sigaretta influenza il rischio di tumore al polmone



fumare sigaretta colazione


Un altro elemento si aggiunge alla lista dei fattori da considerare nei fumatori per il rischio di tumore al polmone: quanto tempo è passato dal risveglio prima dell'accensione della sigaretta numero uno della giornata. Una misurazione di un intervallo di tempo che fornisce indicazioni sulla dipendenza da nicotina del fumatore e può contribuire a valutare il rischio di tumore al polmone insieme ad altri fattori, quali per esempio il numero di sigarette ogni giorno, la durata dell'abitudine al fumo e quanti pacchetti in un anno.

Questo intervallo di tempo è stato oggetto di uno studio pubblicato sulla rivista Journal of the national cancer institute, a opera di un gruppo di ricercatori italiani e statunitensi guidati da Fangyi Gu, dell' U.s. national cancer institute di Bethesda.

«Il nostro studio ha valutato l'associazione tra il tempo che trascorre dal risveglio alla prima sigaretta e il tumore al polmone», spiega Gu. Sono stati presi in considerazione oltre 3.200 fumatori nell'ambito di uno studio realizzato in Italia, e tramite un modello statistico è stata valutata l'associazione tra l'intervallo di tempo prima dell'accensione della prima sigaretta giornaliera e il tumore al polmone, considerando anche gli altri fattori collegati all'insorgenza di tale neoplasia, quali appunto l'intensità dell'abitudine al fumo, da quanto tempo il soggetto fumava e altri fattori di rischio. È stato così visto che la probabilità di cancro polmonare aumentava nelle persone che fumavano la prima sigaretta entro un'ora dal risveglio rispetto a quelle che facevano passare più di sessanta minuti.

«Nel nostro studio i rischi di cancro al polmone erano sostanzialmente più alti fra coloro che fumavano sigarette subito dopo il risveglio, a indicare una maggiore dipendenza dalla nicotina», dice Gu, aggiungendo che tali rischi restano alti anche considerando l'influenza di altri fattori collegati al fumo, quali quelli prima ricordati (numero di sigarette, da quanto tempo eccetera).
«L'associazione tra intervallo dal risveglio alla prima sigaretta e cancro al polmone si osserva in uomini e donne, fumatori ed ex fumatori, forti fumatori e fumatori con un consumo leggero, e in tutti i tipi di cancro polmonare, ed è maggiore in chi è ancora fumatore e in chi fuma meno sigarette», continua Gu.

Lo studio riporta un'associazione tra il tempo della prima sigaretta dopo il risveglio e il rischio di tumore al polmone, non una prova causa-effetto, e sono necessarie ulteriori ricerche. In ogni caso «I nostri risultati hanno implicazioni cliniche, di salute pubblica e sulla ricerca - sottolineano i ricercatori - e la valutazione dell'intervallo fra il risveglio e la prima sigaretta può migliorare la predizione del rischio di cancro polmonare e potrebbe essere utile nello screening per il cancro del polmone e nei programmi per far smettere di fumare».


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Campagna Chi non fuma sta una favola
Apparato respiratorio
31 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Campagna "Chi non fuma sta una favola"
Campagna di sensibilizzazione contro il fumo nelle farmacie Alphega
Apparato respiratorio
10 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Campagna di sensibilizzazione contro il fumo nelle farmacie Alphega
Asma e BPCO, una campagna per non trascurarle
Apparato respiratorio
23 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Asma e BPCO, una campagna per non trascurarle
L'esperto risponde