L’influenza quest’anno colpirà 4 milioni di italiani, ma non sarà aggressiva

18 settembre 2014
News

L'influenza quest'anno colpirà 4 milioni di italiani, ma non sarà aggressiva



virus influenza.jpg


Le previsioni parlano di quattro milioni di italiani messi ko dalla febbre. I primi casi si avranno a inizio novembre, quando il freddo intenso la farà da padrone.
Ma che tipo di influenza dobbiamo aspettarci?
«La vera influenza si caratterizza per febbre brusca, dolori muscolari e almeno un sintomo respiratorio», spiegano gli esperti, «ma non vanno sottovalutati anche altri virus cugini (ce se sono circa 260) che, complici anche gli sbalzi termici, hanno colpito anche d'estate e che in totale interesseranno altri sei milioni di italiani».

Per la vera influenza gli esperti parlano di virus che non sono molto aggressivi. I virus che la provocano sono tre e tutti americani (H1N1 California, H3n2 Massachusetts e B Texas), già conosciuti e previsti nel vaccino. Tuttavia le persone colpite saranno molte e, come al solito, bisognerà prestare molta attenzione ai soggetti più deboli, quelli a rischio di complicanze, come gli anziani e le persone affette da malattie cardiache o respiratorie.

«La stagione vaccinale si aprirà ufficialmente a fine ottobre, anche se il periodo ideale per vaccinarsi è entro fine novembre», spiegano i virologi, sottolineando che «la vaccinazione è un'opportunità per tutti, che va valutata in funzione delle condizioni di salute personali».


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
Malattie infettive
14 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
La salute in crociera
Malattie infettive
10 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La salute in crociera
Antibioticoresistenza, disponibile un nuovo farmaco
Malattie infettive
01 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Antibioticoresistenza, disponibile un nuovo farmaco
L'esperto risponde