Zafferano, la spezia che favorisce sonno e buon umore

16 febbraio 2018
News

Zafferano, la spezia che favorisce sonno e buon umore



Profuma in maniera inconfondibile il più classico dei risotti, colora di giallo vivo ogni pietanza, è assai prezioso per insaporire. Ma lo zafferano non è solo una spezia prelibata. Dietro i magnifici fiori lilla, detti crochi, i preziosi pistilli nascondo un sacco di caratteristiche benefiche per il nostro organismo. Alcune di esse sono note da tempo, come le proprietà digestive, altre costituiscono una novità nell'ambito di una sana alimentazione.

Amico della vista...

Una ricerca dell'Università dell'Aquila ha recentemente indicato questa spezia tra i cibi antiossidanti più efficaci ed è provato, per esempio, che può rallentare le malattie degenerative della retina dell'occhio. La retina consuma molto ossigeno, produce in gran quantità radicali liberi e lo zafferano si è rivelato un ottimo antidoto per arginare il fenomeno.

...e delle donne

Lo stesso studio, poi, conferma anche quanto già ipotizzato da diverse ricerche internazionali: il safranale (ovvero l'estratto di zafferano) favorirebbe il ripristino del tono dell'umore grazie al contenuto elevato di vitamina B6. Oltre a ridurre il disagio causato da alcuni sintomi tipici del ciclo mestruale, che provocano tristezza e instabilità dell'umore in molte donne, questa spezia si è rivelata particolarmente efficace in caso di dismenorrea.

Un giallo pieno di virtù

Degli effetti antiossidanti dello zafferano si è cominciato a parlare già nel 1975, quando uno studio anglosassone dimostrò che l'assunzione regolare di questa spezia era in grado ridurre il livello di colesterolo "cattivo" nel sangue. Ciò è dovuto alla presenza di crocetina, un preziosissimo carotenoide che dà allo zafferano il caratteristico colore giallo arancio. Da ricordare: i carotenoidi contenuti nello zafferano sono ad altissima concentrazione e sono altrettanto studiati, al punto che qualcuno ipotizza possano essere impiegati in un futuro non lontano addirittura nella prevenzione di alcuni tumori.

L'aroma che cura

Il potere aromatico di questa spezia è dato dallo safranale, una delle 150 sostanze che la compongono. Lo safranale ha anche la capacità, ormai conclamata, di potenziare l'attività cerebrale in chi lo consuma. Ricco di minerali quali calcio, magnesio, manganese, fosforo e potassio, svolge poi un'azione antinfiammatoria e antispasmodica. Ma occhio, è importante non esagerare nell'aggiunta alle pietanze: ad alte dosi, infatti, lo zafferano ha un'azione tossica e la dose giornaliera consigliata è al massimo di 1,5 grammi.

Prezioso in tutti i sensi

La lavorazione della spezia viene effettuata quasi esclusivamente a mano. E per ottenere 1 chilogrammo di zafferano occorrono circa 450 mila stimmi e 500 ore di lavoro. Ecco perché questa spezia è così pregiata e di conseguenza assai costosa.

Lo zafferano in cucina

Lo zafferano è spesso soggetto a sofisticazioni. In commercio si trovano infatti anche il cartamo, o zafferanone o zafferano bastardo, che colora molto ma profuma poco. Inutile dire che è la distinzione è data, spesso, proprio dal prezzo. E da un altro parametro: il profumo. Dopodiché, ai fornelli via libera alla fantasia. L'uso di questa spezia in cucina infatti non conosce limiti e può spaziare con soddisfazione dall'impiego nelle preparazioni salate o dolci. In ogni caso, la si aggiunge sempre a fine cottura, affinché mantenga il caratteristico sapore e il suo inconfondibile profumo.

Gloria Brolatti



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Alimentazione
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Alimentazione
16 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
L'esperto risponde