Diabete: grandi passi avanti nella cura della malattia

08 ottobre 2015
News, Video

Diabete: grandi passi avanti nella cura della malattia





Clicca qui per leggere tutte le risposte alle domande pervenute in redazione

"Troppo zucchero nel sangue può far male. Da cosa dipende? Che rischi si corrono? Quali sono le precauzioni da prendere e le cure da fare?". Parliamo di diabete. E per avere un chiarimento sul tema abbiamo posto queste domande a un esperto in materia, Carlo B. Giorda, Past President Amd (Associazione medici diabetologi) e Direttore Sc Malattie Metaboliche e Diabetologia, Asl Torino 5.

Il diabete è una malattia caratterizzata da un eccesso dei livelli di glucosio nel sangue. L'insulina è l'ormone prodotto dalle cellule beta del pancreas che permette di mantenere il corretto livello ematico di glucosio.
Quando il livello di glucosio sale troppo, comincia a ossidare le cellule, le arterie e gli organi e quindi a provocare danni. Le complicanze del diabete sono: danni alla retina, danni al rene (nefropatia, una delle prime cause di dialisi al mondo), danni ai nervi e danni alle arterie del cuore e del cervello (con un aumento del rischio di infarto e ictus).

Esistono tre tipi di diabete:
1. Il diabete di tipo 1, tipicamente giovanile. In questo caso non viene prodotta l'insulina a causa di una distruzione delle cellule beta.
2. Nel diabete di tipo 2 l'insulina c'è, ma l'organismo sviluppa una resistenza alla stessa, il che provoca la conseguente glicemia alta.
3. Infine, il diabete gestazionale che si presenta nel 5 per cento delle gravidanze. In un caso su quattro è necessario tenerla sotto controllo con insulina. Nella stragrande maggioranza dei casi il fenomeno scompare dopo la gravidanza.

Il diabete giovanile è riconoscibile dalla comparsa di un'elevata frequenza a urinare ed eccesso di sete. Il diabete di tipo 2 invece è asintomatico e l'unico modo per diagnosticarlo è con l'esame della glicemia. Una glicemia a digiuno riconfermata superiore a 126 mg/dl permette di fare una diagnosi di diabete.

Nel diabete di tipo 1 è presente una predisposizione, ma perché si inneschi sono necessari eventi scatenanti: virus che modificano il patrimonio immunitario per cui è l'organismo stesso che colpisce le cellule beta e le distrugge. Questo tipo di diabete non si può prevenire, la correzione degli stili di vita non è determinante e può essere tenuto sotto controllo solo con la terapia farmacologica, grazie all'insulina.
Al contrario, il diabete di tipo 2 è determinato decisamente dallo stile di vita. I principali fattori di rischio sono la sedentarietà, l'eccesso alimentare e soprattutto l'eccesso di peso. Per questo il primo suggerimento è proprio quello di correggere gli stili di vita: grazie alla perdita di peso (almeno del 4-5 per cento) e all'attività fisica in Italia il 10 per cento dei pazienti riesce a controllare il diabete senza farmaci.
Nel restante 90 per cento dei casi è necessario ricorrere alla terapia farmacologica.
La maggior rivoluzione farmacologica negli ultimi anni è avvenuta proprio in questo campo: la terapia ormai è molto conosciuta, le classi di farmaci per il diabete stanno aumentando (nel 2002 erano solo tre, adesso si arriva a 10-11 classi di farmaci), per cui è possibile personalizzare la terapia per ciascun paziente e i risultati sono buoni e con minori effetti collaterali.

Per ulteriori approfondimenti sulla terapia farmacologica, le insuline di ultima generazione, gli infusori e gli strumenti non invasivi di rilevazione della glicemia, guarda direttamente l'intervista.

Ilaria Pedretti


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Prevenire il diabete di tipo 2 si può. Una campagna del Ministero della salute
Diabete tiroide e ghiandole
07 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Prevenire il diabete di tipo 2 si può. Una campagna del Ministero della salute
Edema maculare diabetico: una complicanza oculare da non sottovalutare
Diabete tiroide e ghiandole
28 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Edema maculare diabetico: una complicanza oculare da non sottovalutare
Prevenzione diabete, le farmacie strumento di educazione sanitaria
Diabete tiroide e ghiandole
25 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Prevenzione diabete, le farmacie strumento di educazione sanitaria
L'esperto risponde