Allattare al seno, priorità di salute pubblica

30 aprile 2010
News

Allattare al seno, priorità di salute pubblica



Italia esempio da seguire nell'allattamento al seno: lo pratica l'80% delle mamme, quando la media a livello mondiale non supera il 35%. È un primato che va però consolidato, perché nel paese si registrano realtà eterogenee: in Sicilia, per esempio, le mamme che allattano al seno sono 75 su cento. Non è allora un caso che proprio a Palermo, Unicef e Società italiana di ginecologia e ostetricia (Sigo) si siano date appuntamento venerdì scorso per il primo Convegno nazionale su allattamento materno e ospedali amici dei bambini. «La promozione di questa pratica» ricorda Giorgio Vittori, presidente della Sigo «è considerata una priorità di salute pubblica». Per questo nel corso dell'evento è stato presentato il decalogo per l'allattamento al seno, redatto in collaborazione con l'Oms a uso e consumo del personale sanitario e degli ospedali italiani: tra i «dieci passi» elencati nel documento, spiccano l'informazione alle mamme sui vantaggi dell'allattamento al seno e il rooming-in (ossia l'ospitalità del neonato nella stessa stanza della madre), in modo da lasciarli vicini per tutta la durata del ricovero. L'obiettivo di Sigo e Unicef è quello di fare in modo che il decalogo venga applicato in modo sempre più esteso dai reparti maternità degli ospedali: a oggi sono 22 le strutture che lo hanno adottato, al termine di un percorso di accreditamento che li ha fregiati della qualifica di "Ospedali amici dei bambini".


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo dei percentili di crescita


Potrebbe interessarti
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Alimentazione
16 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
L'esperto risponde