Parti ancora troppo medicalizzati

05 maggio 2010
Focus

Parti ancora troppo medicalizzati



Crescono i cesarei e le ecografie - e non è bene - ma migliorano informazione e presa in carico. Sono alcune delle indicazioni che arrivano dall'indagine condotta dall'Istituto superiore di Sanità per fotografare la realtà del "percorso nascita" in Italia. La base dell'elaborazione sono i dati 2008 inviati da 25 Asl di undici Regioni, ripartite tra Nord, Centro e Sud Italia. E l'immagine che scaturisce lascia trasparire luci e ombre. Ancora troppo diffusa, per esempio, la medicalizzazione del parto, testimoniata innanzitutto dalla percentuale dei cesarei: il 33,2% del totale, in crescita rispetto al 32% registrato nel 2002 quando invece dovrebbero calare (per l'Organizzazione mondiale della Sanità non andrebbe superata la soglia del 15%). Troppe anche le ecografie: non dovrebbero essere più di tre per gravidanza, i dati invece rivelano una tendenza a salire che sembra alimentata soprattutto dalla necessità di rassicurare psicologicamente le mamme. Positivi, invece, i dati riguardanti informazione e presa in carico delle partorienti: aumenta la partecipazione ai Corsi di accompagnamento alla nascita (dal 30% del 2002 al 35,5% del 2008), cresce la percentuale di coloro che assumono acido folico (dal 10 al 20,8%) e si fa rilevante la percentuale di donne in gravidanza che smette di fumare e non riprende più se allatta al seno (il 68,1%).


«C'è stato di certo un miglioramento» commenta Michele Grandolfo, del Reparto Salute della Donna e del bambino in età evolutiva dell'Iss «le mamme sono più attente e più informate ma resta ancora alta la medicalizzazione. Sappiamo però che la presa in carico della donna e la promozione delle scelte consapevoli favoriscono una minore medicalizzazione della gravidanza e un più appropriato percorso rispetto alle prestazioni ». Per la prima volta, poi, l'indagine dell'Iss ha consentito di fotografare la realtà delle donne immigrate che partoriscono in Italia: Il 30,4% viene dall'Est-Europa (dalla Romania nel 18,4% dei casi), 33,1% dall'Africa (Egitto 12,9%, Marocco 12,2%), il 20% dall'Asia (FIlippine 7,3) e il 16,5 dall'America Latina (Perù 6,2%, Ecuador 5,1%). Per queste donne la prima emergenza riguarda l'informazione e l'assistenza: il 13% di loro arriva alla prima visita solo dopo il terzo mese di gravidanza, contro il 5% delle italiane; il 19,1% non sa quando vaccinare i figli e il il 30% non è consapevole di poter restare incinta nel periodo di allattamento.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Calcolo della data presunta parto


Potrebbe interessarti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Salute femminile
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Candida, cosa fare
Salute femminile
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Candida, cosa fare
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
Salute femminile
07 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
L'esperto risponde