Sesso giovane a rischio malattia

30 giugno 2010
Focus

Sesso giovane a rischio malattia



Sale la soglia di attenzione in un città come Milano per le malattie sessualmente trasmesse: sono in aumento i casi di sifilide, gonorrea, clamidia e Hiv tra i più giovani secondo un copione già visto in altre metropoli europee. Lo rivelano i dati del Centro malattie sessualmente trasmesse del Policlinico, visitato nel 2009 da oltre 15 mila persone (il 13% delle quali di età inferiore ai 24 anni).

È stato osservato, per esempio, che dal 2006 l'incidenza di condilomi è raddoppiata e oggi ne soffrono tra i 5.200 e i 7.800 milanesi. La gonorrea è invece la patologia più frequente tra i giovani (colpito nel 2009 il 23% dei giovani che si rivolgono al Centro e il 27,9% nel 2010) seguita a ruota dall'Hiv (il 17%, il 10% in più rispetto al 2008 e il 25% in più rispetto al 2006). Preoccupa anche la sifilide, con una media di un caso al giorno tra i ragazzi che visitano la struttura del Policlinico. «Oggi il 16% delle ragazze vive la sua prima volta sotto i 14 anni» è la spiegazione della sessuologa Alessandra Graziottin «e più sono giovani, più è probabile che il rapporto sia non protetto e dunque a rischio. Basti pensare alla clamidia, che registra un picco fra i 14 e i 24 anni ed è una malattia che può comportare la chiusura delle tube, causa del 40% delle sterilità femminili».«Per questo è fondamentale la prevenzione primaria» ricorda Pier Mannuccio Mannucci, direttore dell'Area Medicina e specialità mediche del Policlinico «soprattutto quando i destinatari sono i giovani, nei confronti dei quali sono maggiori le probabilità di essere efficaci e di incidere».

Il caso di Milano non è più, quindi, molto diverso da quello delle altre metropoli europee. Non a caso l'European centre for disease control (Ecdc) di Stoccolma ha lanciato di recente un analogo allarme sul boom di malattie sessuali fra i teenager: il 68% dei casi di clamidia e il 48% di quelli di gonorrea si concentrerebbe tra gli under 25. Milano non sfugge alla regola, è il commento dell'assessore alla Salute del Comune, Giampaolo Landi di Chiavenna: «Negli ultimi 4 anni in città le malattie veneree sono aumentate del 25%». Di qui la scelta dell'amministrazione cittadina di lanciare una campagna rivolta all'informazione e all'educazione, con l'obiettivo di invitare i milanesi - giovani e non - a comportamenti più responsabili in materia di salute, stili di vita e sessualità. A disposizione anche un sito Internet (www.saluteinformami.it) dal quale sarà possibile sottoporsi a un questionario online con valutazione in tempo reale: semaforo verde uguale tutto bene, semaforo rosso uguale troppi vizi, semaforo giallo uguale c'è da migliorare.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO
Patologie


Cerca il farmaco
Potrebbe interessarti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
Malattie infettive
14 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
La salute in crociera
Malattie infettive
10 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La salute in crociera
Antibioticoresistenza, disponibile un nuovo farmaco
Malattie infettive
01 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Antibioticoresistenza, disponibile un nuovo farmaco
L'esperto risponde