Folati poco utili per proteggere il cuore

13 ottobre 2010
News

Folati poco utili per proteggere il cuore



Una recente e ampia revisione mette in dubbio i potenziali benefici, finora riconosciuti, all'integrazione con acido folico sulla salute cardiaca, in virtù della sua capacità di abbassare i livelli di omocisteina, marcatore di infiammazione considerato fattore di rischio cardiovascolare. Lo studio, pubblicato da Archives of internal medicine, ha valutato otto studi randomizzati per un totale di 37.500 persone che avevano avuto patologie cardiache o erano considerati a rischio. Circa metà di loro avevano preso tra 0,8 e 40 mg di acido folico per almeno un anno e l'altra metà un placebo. In media, l'integrazione aveva effettivamente ridotto del 25% i livelli di omocisteina ma non era stato riscontrato un impatto benefico misurabile. Infatti, i tassi di infarto, di decessi per cause cardiache o di ictus erano gli stessi nei due gruppi di partecipanti. Molti ricercatori concordano sul fatto che i livelli di omocisteina non sembrano avere un forte potere predittivo infatti la sua misurazione è stata sostituita con il controllo di altri marcatori di infiammazione e l'American heart association non raccomanda più l'integrazione con folati per controllarne la concentrazione.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Calcolo della data presunta parto


Potrebbe interessarti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Alimentazione
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Candida, cosa fare
Salute femminile
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Candida, cosa fare
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
L'esperto risponde