Solo i grandi ancora a rischio pandemia

20 ottobre 2010
News

Solo i "grandi" ancora a rischio pandemia H1N1



Uno studio pubblicato sul Canadian medical association journal rassicura sulla bassa probabilità di una pandemia di H1N1 dal momento che una larga parte della popolazione è stata immunizzata dalla pandemia dello scorso anno. I ricercatori, hanno analizzato 1.127 persone di età compresa tra i 9 mesi e i 101 anni, prima e dopo la pandemia del 2009, per verificare il livello di anticorpi contro il virus H1N1. Prima della pandemia, che in Canada ha raggiunto il picco nell'ottobre del 2009, meno del 10% dei soggetti fino a 70 anni aveva una protezione immunitaria contro il virus, che invece era presente nel 77% degli anziani. Gli stessi pazienti sono stati ricontrollati lo scorso maggio, ed è emerso che il 70% dei soggetti sotto i 20 anni risultava protetto, mentre la percentuale si abbassava tra i 20 e i 49 anni (44%), tra i 49 e i 70 (30%) e tra i 70 e i 79 (20%). Secondo gli autori, una percentuale così alta tra i giovani potrebbe essere dovuta al fatto che questo virus ha un alto tasso di infezione in questa categoria, che è anche una delle più vaccinate. Si stima che una protezione maggiore del 40% nei ragazzi in età scolare sia sufficiente a prevenire una grande epidemia nella popolazione, e questo ci rassicura sulle probabilità che si ripresenti una situazione simile a quella dello scorso anno. Il suggerimento è dare priorità alla vaccinazione degli adulti, che rimangono ad alto rischio di infezione.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
Malattie infettive
14 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
La salute in crociera
Malattie infettive
10 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La salute in crociera
Antibioticoresistenza, disponibile un nuovo farmaco
Malattie infettive
01 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Antibioticoresistenza, disponibile un nuovo farmaco
L'esperto risponde