L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

17/02/2007 21:50:15

Paura

Salve, ho 23 anni, dopo una storia di 5 anni la mia ragazza mi ha lasciato.
Nel conseguente periodo di confusione ho avuto problemi di attacchi d'ansia e di depressione. Sono passati 5 mesi e io mi sto cercando di farmi una nuova vita. Il problema è che negli ultimi 2 mesi spesso penso alla morte.
Ho fatto una cura per helicobater e durante il trattamento antibiotico ho cominciato ad avere questi disturbi( tra cui un'insonia durata una paio di notti)
Quando vedo una persona anziana mi viene l'ansia, e quando sono solo penso che la vità scorre velocemente.
Non so come fare il problema è che ho paura di invecchiare e morire (so che questo è inevitabile e è il ciclo della vita) ma non riesco a smettere di pensarci e nei momenti di inattività del giorno ci penso e mi viene l'ansia.
Sono indeciso se rivolgermi a uno specialista o se questo disturbo sia una tappa fondamentale della crescita.
Ho da sempre avuto una filosofia mia su come sarà la morte, il problema è che adesso il pensarci mi spaventa.
Che mi consiglia di fare?
Premetto le crisi di ansia sono fastidiose ma controllabili, cioè non mi pregiudicano le attività normali di vita tipo lavoro... ma non mi fanno fare le cose di tutti i giorni con serenità.
Grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del20/02/2007

Bisogna evitare, come lei stesso dice,di considerare patologiche le situazioni emotive che invece potrebbero fare parte di un normale percorso di crescita. Il benessere, o se vogliamo chiamiamolo normalità, non corriponde all'assenza di dolore, ma alla capacità di organizzare adeguatamente le proprie emozioni e i propri pensieri. E' più un processo che uno stato fisso. Nella vita si passano alcuni punti nodali che creano incertezza e conflitto, ma il cui passaggio dà poi accesso ad una migliore qualità del proprio modo di percepirsi e vivere. E' probabile che lei si trovi in uno di questi snodi. La cosa da valutare è se questi pensieri lugubri e lo stato d' Ansia riescono a dare vita ad una nuova e più adeguata visione delle cose, o se invece si stanno strutturando come vere e proprie ossessioni. In tal caso è necessario consultare uno specialista.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra