07/07/05  - PIASTRINE - Malattie infettive
L'esperto risponde

PIASTRINE




Domanda del 07 luglio 2005
Gentili Dottori, la presente per chiederVi cosa comportano piastrine molto alte. Nello specifico, ieri mia madre, 67 anni, di buona salute pur soffrendo di pressione alta e già sotto terapia, si è sentita male e aveva la pressione alle stelle (220/... E NON RICORDO BENE LA MINIMA) si sentiva vampade di caldo, un po' di nausea e non riusciva a stare in equilibrio anche in prontosoccorco. Le hanno fatto addirittura una tac in quanto dopo elettrocardiogramma e esami ok, per sicurezza hanno preferito, visto la disponibiltà, fare anche quella. Esito negativo, niente di anomalo per fortuna. QUINDI ora dovrà ripetere l unico esame sballato, ovvero quello delle piastrine, molto alte. Cosa può comportare un dato simile?
Risposta del 11 luglio 2005
Le piastrine possono aumentare in numerose condizioni: traumi, recenti interventi chirurgici, malattie infiammatorie e infettive ecc.. Se l'aumento persiste in assenza di altre cause (verificabili in base a opportuni esami come ves, pcr, es. urine oltre che all'anamnesi e alla visita presso il proprio medico), è necessario escludere che l'aumento sia dovuto alla trombocitemia essenziale, una malattia primitiva del sangue. Questa malattia comporta un aumento del rischio di malattie trombotiche e va opportunamente curata con antiaggregranti piastrinici e, se è necessario, con farmaci che diminuiscono il numero delle piastrine.

Dott. Vincenzo Cordiano
Medico Ospedaliero
Specialista in Ematologia
Specialista in Medicina interna
VALDAGNO (VI)



Il profilo di VINCENZO CORDIANO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Altre domande di Malattie infettive



Potrebbe interessarti