L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

30/03/2007 16:08:06

Seno: tumore o infiammazione?

Ho ventinove anni e circa 6 giorni fa, il mio seno sinistro ha iniziato a diventare rosso e a gonfiarsi in modo visibile. Cio` ha determinato l`uscita di innumerevoli smagliature.
In un primo momento, pensavo si trattasse di entrambi i seni e magari fosse solo dovuta ad una crescita dei seni, ma dopo 2 o 3 giorni, la situazione si e` chiarificata: il problema e` nel seno sinistro. E` diventato 1 taglia e mezza piu` grande, inoltre sento infiammato internamente...come se fosse una palla di fuoco...inutile a dirsi che mi fa male da morire (non riesco nemmeno a metterlo nel reggiseno)…il dottore, appena l`ha visto mi ha prescritto una cura di antibiotici per una settimana e mi ha chiesto di ritornare al termine della settimana….
Probabilmente potrebbe essere una infiammazione, ma non ho mai allattato o avuto bimbi e l`unica cosa che mi viene in mente come possibile spiegazione potrebbe essere il mio capezzolo…il capezzolo del seno sinistro e` non fuoriuscito…da quando sono nata, e` sempre stato cosi`…non fuoriuscito ….
Nell`ultimo annetto, ho messo su un po` di peso, lei pensa che sarebbe possibile che tutto cio` sia connesso all`aumento del mio peso corporeo in aggiunta alla piccola malformazione del mio capezzolo?
O, altrimenti, cosa pensa possa essere?
Ho cercato di palparlo, ma non sono riuscita a rilevare alcun nodulo.
Come sarebbe possibile far fuoriuscire il capezzolo ``timido``?
Ringrazio in anticipo per qualsiasi tipo di aiuto e consiglio.
GAF

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del02/04/2007

L'incremento del peso corporeo può giustificare un semplice aumento del volume, ma non la presenza della sintomatologia dolorosa. Il Suo capezzolo rientrato è costituzionale e sarebbe il caso di lasciarlo stare buono com'è, con la sua "timidezza". Se la terapia prescritta non dovesse sortire risultati si rivolga al più presto al Suo ginecologo per avviare le indagini del caso. Saluti

Dott. Vincenzo Martucci
Medico Ospedaliero
Specialista in Ematologia
UDINE (UD)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra