L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

30/03/2007 11:42:17

Sospensione cura con sereupin 2006

Buon giorno Dottore,
ho 47 anni, e ad agosto del 2006 ho avuto qualche attacco di panico (dal 2002 al 2005 ho perso entrambi i genitori per malattia).L'effetto scatenante è stato sicuramente il trauma ricevuto da questi ultimi eventi ma non solo in quanto da qualche anno mi sono messo in discussione per modificare alcuni lati caratteriali che non mi facevano vivere serenamente e mi procuravano ansia.
Per questo da gennaio 2006 ad oggi sono in terapia cognitivo comportamentale con risultati confortanti.
il mio medico (di cui ho stima e fiducia) mi ha consigliato di sospendere il sereupin (prendevo 10 mg al dì da agosto 2006 e negli ultimi mesi sono sceso gradamente a mezza pastigila al di e a gg alterni) in quanto capito il meccanismo dell'ansia che mi procurava ansia volgendo in situazioni di panico e allo stesso tempo ho cambiato approccio su alcune situazioni personali.
ora la cosa un pò mi preoccupa e allo stesso tempo mi rende felice.mi preoccupa in quanto un pò ansioso lo sono sempre( ascolto troppo i segnali del mio corpo e se sento che qualcosa non va divento ipocondriaco)mi rende felice in quanto lavorandoci sono riuscito a migliorare e cambiare situazioni che prima nemmeno mi sognavo.
secondo lei (e lo chiedo a lei anche se come le ho detto ho stima e fiducia nel mio medico,desidererei avere anche un suo parere),è giusto il momento per sospendere il farmaco ?
in situazioni come queste è normale avere comunque un pò di paura ? grazie mille per l'eventuale risposta.
ra



Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del02/04/2007

la paura rispetto alla sospensione del farmaco è normale, soprattutto se lei è una persona un po' ansiosa. io mi fiderei del medico. al massimo se si ripresentano i sintomi si può ripristinare la terapia. la cosa principale è scalare il farmaco gradualmente, cosa che lei ha fatto.

Dott. Gaspare Palmieri
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria
MODENA (MO)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra