L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

09/02/2006 17:13:48

Streptococco

Per tanti anni ho fatto la penicillina a lento rilascio Diaminocillina perchè avevo il TAS un po' elevato.Adesso sono 5 anni che il TAS è permanentemente intorno ai 360. Volevo sapere se è il caso di fare di nuovo un ciclo di penicelline o meno.VES PCR e Reuma Test nella norma.Un tampone faringeo recente non presenta streptococco.C'è chi dice di farlo ed invece chi dice che non è significativo e di lasciar stare.

Ho da molti mesi una periartrite alla spalla capsulite adesiva spalla congelata ma non credo che questo possa collegarsi al TAS, è così?

La prego di sciogliere questi dubbi dovuti ad opinioni contrastanti.

Grazie.

Alba

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del12/02/2006

Signora Alba, il TAS elevato non è un motivo sufficiente per fare cure con penicillina o derivati. Specialmente se VES etc. sono negative. Neanche la patologia articolare da cui è ora affetta.

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)


Risposta del12/02/2006

Signora Alba, il TAS elevato non è un motivo sufficiente per fare cure con penicillina o derivati. Specialmente se VES etc. sono negative. Neanche la patologia articolare da cui è ora affetta.

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)


Risposta del12/02/2006

Lo streptococco determina le artriti reattive, ma se dopo tanti anni che ha fatto la diaminocillina, e il TAS è sempre a 360, ed ha presentato una artrite reattiva, vuol dire che la Diaminocillina non ha fatto assolutamente niente. Lo streptococco non sta solo nelle tonsille, ma anche da altre parti, inoltre le tonsille presentano delle lacune nelle quali si infila il batterio, se non prende proprio quella, il tampone viene negativo; pertanto l’esame negativo, non è indice che lo streptococco non sia più presente. Verso lo streptococco non si fa memoria, per cui lei lo può assumere in ogni momento, ed ogni volta è una infezione ex novo. Non può nemmeno fare antibiotici a vita, anche perchè possono essere tossici. In questi casi la medicina biologica offre terapie molto efficaci, senza effetti collaterali, ma non solo, ha test strumentali che possono individuare la presenza di eventuali sovrapposizioni. Lo streptococco utilizza per entrare nelle cellule, un recettore, il CD44, utilizzando l’anticorpo monoclonale debitamente diluito, si può evitare l’infezione da streptococco e fare anche prevenzione verso nuove infezioni.Le consiglio: Tipizzazione linfocitaria e sottopopolazioni:CD3, CD4, CD5, CD8, CD19, CD20, CD16/56, CD23, CD25, anticorpi sierici anti tireoglobulinaanticorpi sierici anti microsoma tiroideo (TPO)Tireoglobulinaanticorpi sierici anti recettore TSH (anti TRAK) FT3, FT4, TSHANTICORPI ANTI-CITOMEGALOVIRUS lgG e lgM· ANTICORPI ANTI-EPSTEIN BARR (EBNA-IgG, EBNA-IGM, VCA-IGG, VCA-IGM, EA-IGG, EA-IGM)· ANTICORPI ANTI-HELICOBACTER PYLORI lgG e lgA· ANTICORPI ANTI-STREPTOCOCCO (STREPTOZYME)· ANTICORPI ANTI-STREPTOCHINASI
Saluti

Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra