L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

30/08/2008 00:50:00

Dolore orecchio - mandibola - lingua

Gentili Dottori,

è poco più di un anno che accuso fastidi nella zona mandibolare e auricolare SX. Più precisamente, sento una strana sensazione (come se avessi soffiato un palloncino sforzandomi) subito sotto il lobo, all'angolo della mandibola, davanti e dietro l'orecchio, a volte fin sotto al mento. Questo dolore non è continuo nè nella sua durata (magari lo accuso 3 ore in una sola giornata per risentirlo il giorno dopo) nè nella sua ricomparsa (nell'arco di 14 mesi va e viene ad intervalli ireggolari da 1 a 3 mesi/episodio).
Non è neanche un dolore acuto, infatti nessun medico ha mai sospettato una nevralgia del trigemino.
Ho eseguito diverse visite durante questi mesi:
1) (scorsa estate) in vacanza mi reco al pronto soccorso, forse per l'ansia ma il dolore mi faceva sentire la parte sx del viso infuocata. Il medico mi prescriveva una breve cura di danzen cm per il dolore e non riscontrava ghiandole/linfonodi ingrossati, nè tumefazioni esterne o orali.
2)Medico di base: visita digitale del collo, non rileva presenza di tumefazioni o ingrossamento di linfonodi o ghiandole. cura di aulin bustine per 3 giorni (il dolore rimane)
3)Medico amico di famiglia: come sopra, ma mi prescrive varie radiografie e analisi del sangue complete. Eseguo le varie lastre (cervicale, colonna, ortopanoramica il tutto in posizioni sia frontali che laterali) ed il risultato è che ho solo una leggera scoliosi e un leggero irrigidimento della cervicale. Preciso che dei 4 molari del "giudizio", 3 li ho ancora occlusi -compreso quello inf. sx- e nel referto della ortopanoramica è specificato che essi sono in giusta posizione.
Le analisi del sangue si rivelano perfettamente nella norma, neanche un 0,1% fuori posto.
4) visita ORL: presento tutto il materiale ananmesi di cui sopra, esegue ulteriore visita digitale del collo, non rileva nulla. Cavità orale e nasale in condizioni normali, setto in posizione perfetta.

Infine, preciso che:
- non ho problemi di salivazione, la bocca non è secca
- non provo dolore mangiando. Anzi, masticando a volte è come se sentissi meno dolore (tranne gomma americana che mi fa venire un piccolo click alla mandibola che dura per giorni, anche se non fa male)
- a volte sento fastidio sotto la parte sinistra della lingua (intorpidimento come da allappamento di un cibo) non necessariamente in concomitanza ai dolori sopra citati.
, ispezionando il lato sinistro del pavimento orale con le dita, ho trovato un punto in cui provo particolarmente dolore: è un punto molto profondo, all'altezza del penultimo molare se si risale verso i denti. Li', toccandomi, provo dolore, bruciore, come se avessi un'afta (che pero' non c'è in quanto, dopo diverse manovre, sono riuscita a vedere quella zona allo specchio - il colore della mucosa parrebbe roseo come in tutta la bocca); inoltre, premendo, sento come se si fosse indurito qualcosa che dall'altra parte invece non sento.
Non riesco a capire se si tratta di nervo, nodulo o altro.

Questi fastidi alla lingua se ne vanno al massimo in una settimana scarsa, per tornare a volte dopo un mese, altre dopo 2 settimane o meno: ci ho talmente fatto l'abitudine che mi riesce difficile ricordare gli episodi con certezza.


Scusandomi per la poca capacità di sintesi, chiedo gentilmente una opinione tendente, per quanto permetta la rete, al diagnostico.


Molto cordialmente
Elena

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del04/09/2008

dai sintomi riferiti appare chiaro che con ogni probabilità il problema è all'interno del cavo orale, dove non esistono solo i denti, come spesso anche molti medici pensano, ma strutture complesse, quali ossa, ghiandole salivari principali ed accessorie, nervi, vasi, muscoli, articolazioni, mucose, linfonodi, muscoli e mucosa linguale,
gengive, parodonto etc etc etc. ognuna di queste strutture ha sue patologie specifiche, dalle forme più banali via via fino a patologie immunitarie e neoplastiche. appare pertanto chiaro che in assenza di una visita odontoiatrica presso un dentista competente di patologia orale - la cosa migliore è rivolgersi alle cattedre universitarie di patologia orale- non riuscirà ad avere una diagnosi corretta.
posso solo aggiungere che se da un lato il - va e vieni- della sintomatologia deporrebbe per una patologia sicuramente benigna, due sintomi da lei riportati - la senzazione di un nodulo e la parestesia linguale - vanno comunque non sottovalutati ed impongono una tac se confermati nel corso del controllo clinico.
Pertanto, pur sentendomi di tranquillizzarla visto il periodo trascorso e la sintomatologia ballerina, la invito a non sottovalutare la cosa ed a richiedere la visita del cavo orale consigliata

Dott. fabio arpaia
Specialista attività privata
Odontoiatra
Continuità Assistenziale
Specialista in Odontoiatria
Specialista in Stomatologia
NAPOLI (NA)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra