L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

15/06/2008 15:15:54

Esofagite

Buongiorno,
sono un ragazzo di 33 anni e da tempo soffro di esofagite da reflusso di grado B (erosioni confluenti) solo recentemente diagnosticata a seguito di una gastroscopia che ha rilevato anche la presenza di una piccola ernia iatale. Ho effettuato una terapia di 4 settimane assumendo una capsola al giorno di Lucen 40gr., che non ha prodotto miglioramenti. I sintomi principali, diffusi da tempo ma particolarmente accentuati negli ultimi mesi, sono: piccolo dolore/sensazione di pressione e di fastidio all'altezza del diaframma, associato a disturbi alla respirazione e alla voce (sensazione di affanno), particolarmente accentuati prima e dopo i pasti.
L'inefficacia della terapia con Lucen escluderebbe che la causa dell'esofagite è nello stomaco; per questo, credo che sia necessario un cambio di terapia. Aggiungo che ho già effettuato una visita otorinolaringoiatrica che non ha rilevato l'elesistenza di problemi. Ho effettuato, inoltre, una ecografia all'alto addome, ed anche questo esame non ha rilevato l'esistenza di problemi.
Infine, altra informazione che completa il quadro della mia situazione, ho condotto per circa due mesi una terapia a base di Lexil (2 capsule al giorno), ma anche questa non ha risolto il problema.
Vi sarei grato se poteste suggerirmi alcuni consigli.
Grazie anticipatamente per ogni risposta.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del18/06/2008

La gastroscopia ha evidenziato l'esistenza sicura di un' Esofagite erosiva. La terapia è corretta, solo che va prolungata per molti mesi, se non per anni. Anzi, oggi, nei casi come il suo, si consiglia la stessa terapia, ma a dose doppia per il primo mese, anche due. Questa non è solo una mia opinione, ma un consenso internazionale. Poiche talvolta il reflusso che è causa di Esofagite non è solo di acido, ma anche di bile, per saperne di più dovrebbe rivilgersi a un centro ospedaliero ben attrezzato per eseguire un esame che si chiama impedenzometria esofagea.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Universitario
Specialista in Cardiologia
Specialista in Gastroenterologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra