La cura per la leucemia ha nuove opzioni

24 gennaio 2011
News

La cura per la leucemia ha nuove opzioni



Si chiama nilotinib ed è un nuovo farmaco che apre interessanti prospettive nella cura degli adulti affetti da leucemia mieloide cronica Ph+. Il suo utilizzo èstato approvato dalla Commissione europea come trattamento di prima linea e in Italia (dove è già disponibile in seconda linea) si attende la conclusione dell'iter dell'Aifa. Del nuovo farmaco si è parlato in un convegno organizzato a Bologna, che ha riunito 300 esperti per fare il punto sulle novità nel trattamento della neoplasia ematologica che costituisce circa il 15% di tutti i casi di leucemia. L'approvazione, infatti, si basa sullo studio di fase III ENESTnd, in cui nilotinib ha dimostrato di essere superiore a imatinib nell'ottenere percentuali più elevate e complete di risposta molecolare, utili a bloccare la progressione di malattia. Nilotinib è un inibitore della proteina Bcr-Abl, che causa la produzione delle cellule tumorali. La riduzione fino allo stop nella produzione di Bcr-Abl è il passo necessario per il controllo della malattia a lungo termine. «Con il nilotinib ci sono risposte molecolari complete nel 26% dei casi, rispetto al 10% di imatinib», ha spiegato Giuseppe Saglio, professore di Ematologia dell'università di Torino.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
La carne rossa nella dieta mediterranea
Tumori
11 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
La carne rossa nella dieta mediterranea
Limoni per la ricerca
Tumori
03 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Limoni per la ricerca
12 strategie contro il male del secolo
Tumori
06 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
12 strategie contro il male del secolo
L'esperto risponde