Usa, immagini ad alto impatto sui pacchetti di sigarette

24 giugno 2011
News

Usa, immagini ad alto impatto sui pacchetti di sigarette



smettere di fumare pacchetto di sigarette rischi per la salute


Nel tentativo di convincere gli americani a smettere di fumare, la Food and drug administration introdurrà a partire da settembre 2012 immagini di forte impatto emotivo sui pacchetti di sigarette. Nei giorni scorsi, l'ente ha diffuso le nove soluzioni grafiche che appariranno sulle etichette. Le immagini saranno accompagnate da didascalie inerenti alle immagini, per esempio sulla la foto che ritrae un uomo tracheteomizzato con una sigaretta in mano in cui il fumo esce dal collo, si legge "Le sigarette danno dipendenza". In altre immagini ci sono donne, bambini, polmoni danneggiati dal fumo e frasi a impatto, e su ogni pacchetto è riportato un numero di telefono per mettersi in contatto con i centri che aiutano a smettere di fumare. Le etichette dovranno comparire non solo sui pacchetti venduti in tutti gli Stati Uniti, ma anche su tutti gli imballaggi e sulle pubblicità di sigarette. Si tratta del primo grande cambiamento nel packaging negli ultimi 25 anni in linea con l'impegno del presidente Barack Obama a voler proteggere le nuove generazioni dai danni da uso del tabacco. «Queste etichette sono una raffigurazione franca, onesta ed efficace dei rischi del fumo e ci aiuteranno» ha dichiarato Kathleen Sebelius, segretario dell'U.S. health and human services.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Campagna Chi non fuma sta una favola
Apparato respiratorio
31 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Campagna "Chi non fuma sta una favola"
La carne rossa nella dieta mediterranea
Tumori
11 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
La carne rossa nella dieta mediterranea
Campagna di sensibilizzazione contro il fumo nelle farmacie Alphega
Apparato respiratorio
10 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Campagna di sensibilizzazione contro il fumo nelle farmacie Alphega
L'esperto risponde