Allergia o raffreddore, i sintomi per distinguerli

23 maggio 2012
Focus

Allergia o raffreddore, i sintomi per distinguerli



Starnuti, naso chiuso o colante, rinite, tosse, mal di testa, allergia, raffreddore


Starnuti, naso chiuso o colante (rinite), tosse, mal di testa possono essere sintomi tipici di un raffreddore in corso, ma anche di un'allergia stagionale. Difficile distinguere le due condizioni soprattutto se il paziente è un bambino che non sa spiegare a parole ciò che sente. Per questo motivo i pediatri della American academy of pediatrics (Aap) hanno voluto fornire ai genitori strumenti pratici con una indicazione di base: prestare attenzione ai dettagli minori, ai piccoli segnali che permettono di riconoscere le differenze.

I sintomi in comune, spiegano i pediatri, sono sicuramente il naso chiuso, che gocciola o prude, gli starnuti, la tosse, l'affaticamento e il mal di testa. Ma nei bambini che soffrono di allergie, primaverili o autunnali, è molto probabile che il prurito al naso sia più marcato e per darsi sollievo lo sfregano con movimenti dal basso verso l'alto, gli starnuti sono più frequenti e ripetuti in momenti di vere e proprie crisi. Anche la gola e la bocca sono interessate dal prurito e formicolio come pure gli occhi che in alcuni casi lacrimano oltre che prudere. Questi segnali sono assenti in presenza di raffreddore che è a sua volta caratterizzato dalla presenza di un muco giallastro, mentre in caso di allergia il muco che cola dal naso è chiaro e di consistenza acquosa. Chiaramente, sottolineano gli esperti, questi sono i sintomi tipici di un'allergia stagionale ed è importante che vengano eseguiti test per allergeni stagionali come i pollini o gli acari, ed è quindi inutile testare eventuali allergeni alimentari o "fuori stagione". Dai medici arriva anche un'altra indicazione a non confondere le allergie con l'asma: «Sebbene spesso vadano insieme» dicono gli specialisti dell'Aap «sono in realtà due diverse condizioni. In termini semplici, l'asma è una condizione cronica che inizia nei polmoni, mentre le allergie sono reazioni che coinvolgono il sistema immunitario. Non tutti i bambini allergici hanno l'asma, ma la maggior parte delle persone affette da asma soffrono di allergie». Ciò accade in quanto le vie aeree del bambino asmatico sono infiammate e quindi ipersensibili e quando entrano in contatto con un fattore scatenante, come può esserlo un polline, per esempio, i bronchi reagiscono in modo eccessivo contraendosi ulteriormente.

Quando si è chiarito che la natura dei sintomi è di origine allergica ci sono piccoli accorgimenti che, unitamente alle terapie prescritte dal medico, possono contribuire a migliorarli. Per limitare la presenza di pollini in casa, bisogna tenere le finestre chiuse durante i periodi di picco che si possono conoscere consultando i bollettini, resi disponibili da agenzie ambientali della regione. La stessa attenzione va posta ai finestrini delle auto durante i viaggi e gli spostamenti. Se si dispone di impianti di condizionamento dell'aria, i filtri vanno sostituiti una volta al mese. Inoltre, nelle ore mattutine, momento in cui il livello dei pollini è più alto, vanno limitate le attività all'aperto dei bambini, e in ogni caso al rientro a casa gli abiti vanno cambiati e lavati per liberarli da tutti gli allergeni raccolti all'esterno. Infine, dopo aver giocato all'aperto è bene lavare anche il viso, le mani e i capelli e, usando una soluzione salina, si possono lavare anche il naso e gli occhi.

Simona Zazzetta


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo dei percentili di crescita
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
Malattie infettive
14 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
La salute in crociera
Malattie infettive
10 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La salute in crociera
L'esperto risponde