Sclerosi multipla, danni cognitivi più gravi in uomini

31 ottobre 2012
News

Sclerosi multipla, danni cognitivi più gravi in uomini



Sei anni dopo la diagnosi di sclerosi multipla, quasi tutte le strutture subcorticali ne risultano affette e i livelli cognitivi sono colpiti con maggiore gravità nei pazienti di sesso maschile. È il risultato di uno studio condotto da ricercatori olandesi (università di Amsterdam) e brasiliani (università federale di Rio de Janeiro), che mostra la rilevanza genere-specifica dell'atrofia nella sclerosi multipla. Gli autori hanno effettuato valutazioni neurofisiologiche e sottoposto a risonanza magnetica strutturale 120 pazienti (tra cui 80 donne) con sclerosi multipla diagnosticata sei anni prima e 50 soggetti sani (30 donne) che hanno formato il gruppo di controllo. Nella maggior parte dei pazienti esaminati, i volumi di materia grigia si sono ridotti, ma in misura maggiore tra i soggetti di sesso maschile con un calo medio dell'11%, mentre nelle donne sono diminuiti del 6,3%. Alcune strutture sono rimaste immuni dall'atrofia e non hanno mostrato differenze rispetto agli individui appartenenti al gruppo di controllo: tra gli uomini, bilateralmente l'ippocampo e l'amigdala e il nucleus accumbens nell'emisfero destro; tra le donne, bilateralmente, l'amigdala e il putamen. La differenza tra i sessi è stata notevole: tutti i domini cognitivi sono risultati coinvolti negli uomini, a eccezione della memoria visuospaziale, ma nessuno in maniera significativa nelle donne. Oltre che al genere, i danni cognitivi sono apparsi correlati al volume del talamo e al livello di scolarità, ma non al volume delle lesioni.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Energia Mentale
Mente e cervello
27 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Energia Mentale
Terza età. Peggiora la qualità del sonno
Mente e cervello
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Terza età. Peggiora la qualità del sonno
L'esperto risponde