I ginecologi: in Italia le donne non hanno accesso alla contraccezione moderna

12 ottobre 2013
News

I ginecologi: in Italia le donne non hanno accesso alla contraccezione moderna



contraccezione


Contraccezione, questa sconosciuta. Basti considerare che da un'indagine Sigo (Società italiana di ginecologia e ostetricia) della scorsa primavera è emerso che ben il 42 per cento delle under 25 italiane non utilizza nessun metodo contraccettivo durante la prima esperienza sessuale.

Su questi temi, dice l'indagine, solo tre ragazze su dieci ricevono informazioni corrette da parte di ginecologi, medici e insegnanti. Il rimanente 70 per cento le apprende da fonti non qualificate come amici, parenti o Internet. Dati confermati dal "Barometer of women's access to modern contraceptive choice in 10 EU Countries", presentata al congresso nazionale dei ginecologi a Napoli: l'Italia si colloca infatti al terz'ultimo posto, dopo Germania (con il 73 per cento), i Paesi Bassi (69 per cento) e la Francia (67 per cento), nella classifica dell'accesso alla contraccezione moderna e alla salute riproduttiva.
La pillola, per esempio, viene scelta nell'86 per cento dei casi per la sicurezza ma solo il 16,2 per cento delle donne la usa regolarmente, contro il 41,5 per cento della Francia.

Per migliorare la situazione i ginecologi italiani lanciano un programma in cinque punti:
1) perfezionare la formazione degli specialisti, già a partire dalle Università;
2) introdurre l'educazione sessuale come materia obbligatoria nelle scuole;
3) migliorare la situazione qualitativa e quantitativa dei nostri consultori;
4) condividere un'Agenda della Salute per accompagnare le donne nelle diverse età della vita riproduttiva;
5) migliorare l'assistenza post-partum e proseguire sulla strada intrapresa con il calo delle interruzioni volontarie di gravidanza.

Ma a parziale "ricompensa" di questi dati negativi il Barometer 2013 ci dà in risalita nella classifica dell'educazione sessuale dei giovani: quest'anno siamo al quinto posto.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Calcolo dei percentili di crescita


Potrebbe interessarti
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
Salute femminile
07 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale
Salute femminile
19 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale
Prevenzione femminile, un ambulatorio mobile nelle piazze d’Italia
Salute femminile
08 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Prevenzione femminile, un ambulatorio mobile nelle piazze d’Italia
L'esperto risponde