Disturbi digestivi: si evitano così

19 dicembre 2011
Focus

Disturbi digestivi: si evitano così



Per assicurarsi una buona digestione


Per assicurarsi una buona digestione e il massimo benessere dopo i pasti, in molti casi, è sufficiente scegliere i cibi giusti e rispettare alcune semplici regole di stile di vita. Per esempio...

Preferire cibi freschi e sani


Scegliere cibi sani, preferibilmente freschi e preparati al momento, aiuta a digerire meglio e a fornire all'organismo elementi nutritivi preziosi.

Meglio non mangiare troppi grassi

Ridurre il consumo di alimenti ricchi di grassi, condimenti, dolci e piatti molto elaborati che appesantiscono lo stomaco è essenziale se si soffre di disturbi digestivi come acidità, dispepsia e reflusso.

Spezie, salse, sale da consumare con moderazione

Spezie e salse piccanti (in particolare, peperoncino, pepe, zenzero, paprica, salsa di soia, wasabi, cren ecc.) e il sale tendono a stimolare la secrezione acida dello stomaco e a irritarne le pareti. Meglio consumarli con moderazione.

Fretta o stress fanno male allo stomaco

Fretta e stress sono i principali nemici della buona digestione. Per questo è essenziale concedere ai pasti il tempo necessario e consumarli in luoghi confortevoli, lontano dall'ambiente di lavoro. Masticare a lungo ogni boccone riduce il lavoro dello stomaco.

No a pasti abbondanti e sedentarietà

Per prevenire problemi di reflusso si devono evitare i pasti troppo abbondanti, soprattutto la sera, e non bisogna mai coricarsi a stomaco pieno o sedersi in poltrona subito dopo aver mangiato. Ideale, invece, una passeggiata rilassante.

Bevande gassate mettono a rischio lo stomaco

Per il benessere dello stomaco, il consumo di bevande gassate o eccitanti, come bibite, birra, tè, caffé e alcolici deve essere moderato. Se si soffre di gonfiore, dispepsia o reflusso, inoltre, si deve bere preferibilmente lontano dai pasti per evitare un'eccessiva distensione delle pareti dello stomaco.

Non fumare

Oltre a causare innumerevoli danni a tutto l'organismo, il fumo stimola le secrezioni acide gastriche e tende a peggiorare i disturbi digestivi. Meglio smettere di fumare, quindi, o almeno cercare di ridurre il numero di sigarette quotidiane.

Attenzione a menta e cioccolato

Alcuni alimenti, come menta e cioccolato, tendono a disturbare la digestione e a favorire il reflusso gastroesofageo. Vanno, dunque, consumati con moderazione e preferibilmente evitati se si hanno già problemi di questo tipo.

Tenersi in forma, il sovrappeso peggiora la digestione

Se si è in sovrappeso, perdere qualche chilo può aiutare a migliorare la digestione oltre che ad aumentare il benessere complessivo perché elimina un inutile ingombro a livello addominale.

Mangiare a orari regolari

Rispettare orari regolari per colazione, pranzo e cena abitua lo stomaco a lavorare meglio, assicurando una digestione più efficiente.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Stomaco e intestino
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio
Stomaco e intestino
20 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio
L'esperto risponde