L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

24/01/2006 10:33:36

Per il dottor Moschini

Gent.mo dottore, prorpio ieri ho inviato a questa sezione una domanda relativa ad un sospetto senso di pressione su quella che io chiamo carotide, tale che mi sembra di "essere strangolata"! In particolare, questo succede se qualcosa sfiora la gola, per esempio, una collana o una maglia dolcevita. Nessun dolore o bruciore. Nonostante io sia tutt'ora normopeso, ho notato un aumento di peso a cui non sono abituata: 7 kg in 5 mesi. Neanche a farlo apposta poco fa leggo una sua risposta al quesito di una signora intitolato "disturbi alla tiroide" e mi sembra che i sintomi possano essere gli stessi che avverto io. Pertanto, sono molto allarmata e temo che possa trattarsi anche per me di problemi alla tiroide. Cosa ne pensa??? Vede? Questo sito è utilissimo: nella mia beata ignoranza di ciò che attiene alla medicina non avrei mai pensato di andare dal medico per un "problemuccio" che pensavo di attribuire allo "stress"...

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del26/01/2006

Il sintomo che riferisce, nella gran parte della casisitica da me osservata, indica una problematica tiroidea, vista anche l'età, giovane, se fosse stata in età più avanzata, poteva indicare una eventuale patologia a livello delle carotidi stesse, che naturalmente vanno sempre controllate con un eco-color-doppler. Purtroppo noto che l'80% delle donne assume eutirox, per problematiche precedenti alla ghiandola tidoidea, siccome è sempre meglio fare prevenzione, che aspettare che venga la malattia conclamata, mi sono abituato a dare peso a piccoli sintomi, soprattutto se sono vaghi e aspecifici; come a dare importanza a piccole variazioni degli esami del sangue. Ho capito anche una osa fondamentale, che anche se gli esami sono negativi, non vuol dire che il problema non sussista, forse non sono stato capace di eseguire quegli esami che mi avrebbero fatto pervenire ad una diagnosi esatta. Dopo questo preambolo, per spiegare come mai consiglio di fare certi esami, e sono molto attento ai piccoli sintomi, (in medicina biologica i piccoli sintomi ci aiutano anche ad individuare il farmaco adatto), le consiglio di controllare la ghiandola con esami il più completi possibile.
Le consiglio: a parte i soliti esami routinari, e
emocromo e formula, piastrine
Tipizzazione linfocitaria e sottopopolazioni, possibilmente questi:CD3, CD4, CD5, CD8, CD19, CD20, CD16/56, CD23, CD25,
anticorpi sierici anti tireoglobulina
anticorpi sierici anti microsoma tiroideo (TPO)
Tireoglobulina
anticorpi sierici anti recettore TSH (anti TRAK)
FT3, FT4, TSH
ANTICORPI ANTI-EPSTEIN BARR (EBNA-IgG, EBNA-IGM, VCA-IGG, VCA-IGM, EA-IGG, EA-IGM)
ANTICORPI ANTI-HELICOBACTER PYLORI lgG e lgA
ANTICORPI ANTI-CITOMEGALOVIRUS lgG e lgM
Saluti



Dott. Alberto Moschini
CARRARA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra