L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Sessualità

23/01/2007 17:41:16

Pornografia

Egregi dottori,
chiedo scusa se insisto, è già la seconda volta che scrivo perché sono molto preoccupata.
ho 25 anni e il mio compagno 39, conviviamo da 4 anni e la nostra è stata sempre una storia molto felice sotto tutti gli aspetti,. A dicembre, purtroppo, abbiamo scoperto una forma di azoospermia, per la quale stiamo cercando un andrologo in grado di guidarci verso una soluzione. Da allora il nostro rapporto ha subito un cambiamento radicale, e la crisi si è presentata + grande del previsto.
Prima i nostri rapporti sessuali erano costanti, praticamente tutti i giorni. Dopo per una settimana siamo stati lontani, poi si è mantenuta una media di un paio di rapporti a settimana. All’inizio di gennaio, dopo il suo ennesimo rifiuto a fare l’amore, durante la notte mi sono svegliata e l’ho scoperto navigare in siti pornografici. La cosa mi ha fatta sentire frustrata ed umiliata, sono tornata a letto piangendo ed il giorno dopo abbiamo avuto una lite furibonda.
Lui si è scusato e mi ha promesso che non sarebbe + accaduto, non tanto per i siti pornografici, quanto perché che lui abbia preferito l’autoerotismo a me mi aveva davvero ferita, soprattutto perché ho sempre cercato di assecondare il + possibile le sue fantasie erotiche.
Dopo la lite mi sono imposta totale fiducia ed ho davvero creduto che mi avesse capito visto che mi aveva promesso di stare per un certo numero di giorni senza andare a visitare questi siti (come prova che può farne a meno). Dopo alcuni giorni però ho di nuovo trovato tracce dei siti pornografici nella cronologia del computer. Ne è derivata un’altra lite ed ho pianto una giornata intera. Ho provato a parlargli, a chiedergli il motivo (per divagare.. ecco la risposta). Gli ho anche proposto di fare un po’ di terapia di coppia o una costellazione famigliare insieme. A tutto questo ha risposto “se pensi che sia utile”.
Mi rendo conto che NON SONO BELLA e certe donne sono per lui un’attrattiva notevole, ma ora, dopo che ha tradito in quel modo la mia fiducia io ci sto tanto tanto male. Non è da lui ferirmi così. Non lo aveva mai fatto prima. E non mi aveva mai detto bugie. Poi così spesso. Più volte in una settimana. Li guardava anche prima, ma ciò non aveva mai influito sulla nostra vita sessuale.
Ora non riesco più a fidarmi di lui, ho sempre il sospetto che quando dormo o sono fuori casa lui sia li a guardare.
Sono malata? O lo è forse lui?
Come riesco a uscire da questa situazione?
Grazie
Serena

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del26/01/2007

Gentle signora,
non drammatizzi così la sua situazione relazionale. Non è così inusuale che mariti anche veramente innamorati, attenti e premurosi siano poi anche genericamente "incuriositi" dalla pornografia ,soprattutto quella proposta per via elettornica perchè "più facile" da raggiungere. Sicuramente anche la vostra "situazione riproduttiva " , come da lei riferita, può già di per sè mettere in crisi una relazione stabile . Senza ansie eccessive, sdrammatizzando e scherzandoci un pò sopra e con serenità comunque cercate di affrontare seriamente anche quest'ultimo problema.
Un cordiale saluto.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Sessualità







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra