L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

27/08/2004 13:37:30

Sindrome intestino irritabile

Da quando sono entrata in Menopausa a 55 anni soffro di notevole gonfiore al ventre, stipsi, brontolii, sensazione di intestino mai libero dopo la defecazione e senso di spossatezza costante. Inoltre ho la lingua biancastra accompagnata da alitosi. Non assumo lassativi con modalità costante e comunque preparati semplici (Puntuale, 10 erbe, Fave di fuca) .Il Mylicon mi dà sollievo temporaneo e il Carbone vegetale mi blocca l'intestino.
La ricerca di sangue occulto nelle feci è negativo. La mia alimentazione è ricca di verdure e frutta, ma integrata anche da pasta riso, formaggi e dolci in misura molto discreta.
Il ventre gonfio mi provoca irritabilità e malessere ormai per me insopportabile, anche dal punto di vista estetico.
Assumo da tre anni il Livial. Inoltre soffro di Artrosi alle mani.
1)esiste qualche preparato efficace per eliminare il gonfiore?
2)può aiutare l'assunzione di mannite o altro lassativo?
3)devo cambiare alimentazione?


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del08/09/2004

La descrizione se pur accurata dei suoi sintomi non può sostituire una valutazione clinica, che le consiglio da uno specialista gastroenterologo che il suo curante le indicherà. Le posso comunque anticipare che i lassativi "naturali" che lei cita non sono meno dannosi di altri preparati della farmacopea ufficiale. Anzi! Inoltre, pur dando assoluto valore al problema estetico, la cosa più importante è quella di escludere lesioni intestinali di alcun genere, anche di natura tumorale. Le consiglio perciò una colonscopia ed, a seguire, una opportuna terapia per la sua sindrome del colon irritabile, che prevede un aiuto farmacologico ciclico, con pre- e pro-biotici ed opportuni trattamenti a seconda del referto endoscopico.

Prof. Antonio Iannetti
Universitario
ROMA (RM)



Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra